America centrale: nasce a Città del Messico la Rete ecclesiale ecologica mesoamericana

Dopo l’amazzonica Repam, tocca alla Reemam, la Rete ecclesiale ecologica mesoamericana. Il nuovo organismo, dopo una lunga gestazione, nasce in questi giorni a Città del Messico, nel corso di un’assemblea tra numerosi vescovi messicani e centroamericani, ai quali ha fatto pervenire un videomessaggio di incoraggiamento il presidente del Celam, il Consiglio episcopale latinoamericano, mons. Miguel Cabrejos.
La Reemam si propone di esser uno strumento in grado di intervenire nella difesa dell’ambiente e in ambiti quali la ricerca della giustizia, la legalità, la promozione dei diritti umani. Si punta molto sulla cooperazione tra Chiese e istituzioni pubbliche, ai vari livelli, in vista di uno sviluppo inclusivo ed equo, che parta dall’uso responsabile e solidale delle risorse naturali, preservando allo stesso tempo la cultura e gli stili di vita dei popoli tradizionali che abitano la regione centroamericana.
Un ruolo importante, nello sviluppo della Reemam, avranno organismi come il Dejusol (il dipartimento Giustizia e Solidarietà del Celam), il Selacc, il segretariato che riunisce i vescovi dell’America Centrale, e la Caritas della regione Camex (Centroamerica e Messico).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy