Papa Francesco: a Federazione internazionale hockey su ghiaccio, rendere lo sport “inclusivo e accessibile a libello globale”

“Lo sport è un canale davvero speciale per promuovere la pace e l’unità. Le attività sportive sono luoghi d’incontro, a cui accorrono insieme persone provenienti da molti contesti diversi”. Ne è convinto il Papa, che ricevendo in udienza i membri della Federazione internazionale di hockey su ghiaccio ha definito l’hockey “un buon esempio di come lo sport possa esprimere il senso dello stare insieme: è un gioco di squadra in cui ciascun giocatore ha un ruolo importante da svolgere. E ogni volta, ai Campionati mondiali, si può vedere la gioia di persone provenienti da tanti Paesi diversi, la gioia di ritrovarsi insieme per sperimentare la bellezza dello sport”. “Lo sport ha un ruolo da svolgere nella crescita e nello sviluppo integrale”, ha proseguito Francesco: “Ecco perché la Chiesa apprezza lo sport in sé stesso, come un campo dell’attività umana in cui si possono promuovere le virtù della sobrietà, dell’umiltà, del coraggio e della pazienza e si può testimoniare di aver incontrato realtà belle, buone, vere e gioiose”. D qui la necessità di rendere lo sport “inclusivo e accessibile a livello globale”, come fanno i giocatori di hockey: “Nel sostenere lo sviluppo di questo sport nel mondo, voi state spronando giovani e meno giovani, uomini e donne, a tirare fuori il meglio di sé e a promuovere relazioni amichevoli dentro e fuori la pista”, l’omaggio del Papa, insieme a quello al “fair play”, che implica “giustizia e rispetto nei riguardi degli avversari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia