Disuguaglianze: Bacciotti (Oxfam Italia), “l’ascensore sociale nel Paese è bloccato, aspirazioni dei giovani fortemente compromesse”

“Viviamo in un’epoca e in un Paese in cui ricchi sono soprattutto i figli dei ricchi e poveri i figli dei poveri, con rischi di svilimento della tenuta sociale e rottura del patto generazionale”. Lo afferma Elisa Bacciotti, direttrice delle campagne di Oxfam Italia nel giorno in cui viene pubblicato il nuovo rapporto “Non rubateci il futuro”, in cui vengono fotografate le disuguaglianze presenti nel nostro Paese. L’ascensore sociale in Italia è bloccato – denuncia l’organizzazione – e le aspirazioni dei giovani a un futuro più equo appaiono oggi fortemente compromesse. Gli sforzi individuali, la dedizione, il talento sono sempre meno determinanti per il miglioramento delle condizioni di vita rispetto alle condizioni socio-economiche della famiglia d’origine. Condizioni che persistono nel passaggio generazionale a tal punto che i figli delle persone collocate nel 10% più povero della popolazione italiana, sotto il profilo retributivo, ad oggi avrebbero bisogno di 5 generazioni per arrivare a percepire il reddito medio nazionale. Non solo. Un terzo dei figli di genitori più poveri è destinato a rimanere fermo al piano più basso dell’edificio sociale, mentre il 58% di quelli i cui genitori appartengono al 40% più ricco, manterrebbe una posizione apicale. “Tutto questo – commenta Bacciotti – non è altro che l’emblema di una società immobile, che offre alle nuove generazioni una limitatissima sfera di opportunità. Lo specchio di una disuguaglianza economica e sociale, che anziché attenuarsi di generazione in generazione, nella migliore delle ipotesi, non si riduce mai”. La povertà economica nel nostro Paese va di pari passo con la povertà educativa. “L’azione di contrasto al fallimento formativo e alla povertà educativa, fortemente associata nel nostro Paese alla povertà economica, alla marginalità e vulnerabilità sociale, deve essere potenziata in via prioritaria – aggiunge Bacciotti –. Solo in questo modo si riuscirà a garantire, ai giovani che ne sono oggi privati, la possibilità di costruire in modo consapevole e responsabile il proprio progetto di vita”. Per richiamare l’attenzione pubblica e sollecitare l’azione dei decisori politici verso l’attuazione di urgenti misure di contrasto alle disuguaglianze Oxfam lancia la campagna “People Have the Power”. “Il rapporto di Oxfam dà voce alle richieste dei giovani, raccolte in un ‘Manifesto’ indirizzato al Governo italiano e al Presidente della Repubblica, in qualità di principale garante della nostra Costituzione che affonda le sue radici nel fondamentale principio dell’uguaglianza, che chiediamo alle istituzioni di rendere vivo e concreto per i giovani del nostro Paese”, conclude Bacciotti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia