This content is available in English

Commissione Ue: documento di 9mila scienziati europei, “rivedere titolo del portafoglio per innovazione e giovani”

(Bruxelles) “Senza dedizione all’istruzione e alla ricerca non esisterà una solida base per l’innovazione in Europa, né potremo mantenere la promessa di un elevato standard di vita per i cittadini europei in una forte competizione globale”. È un passo della lettera che oltre 9.200 rappresentanti della “comunità scientifica in Europa” hanno finora sottoscritto: indirizzata al presidente del Parlamento David Sassoli, al presidente della Commissione Jean-Claude Juncker e alla presidente eletta Ursula von der Leyen, critica il fatto che “nella nuova Commissione, gli ambiti dell’istruzione e della ricerca non abbiano più un rappresentante, ma siano ricondotti al titolo di ‘innovazione e giovani’”. Ora infatti Tibor Navracsic è commissario per “istruzione, cultura, multilinguismo e gioventù” e Carlos Moedas lo è per “ricerca, innovazione e scienza”. Nella Commissione von der Leyen, Mariya Gabriel (nella foto) sarà commissaria per “l’innovazione e i giovani”, appunto. “Ciò enfatizza la sfruttabilità economica (vale a dire l’innovazione) rispetto alle fondamenta, che sono istruzione e ricerca, e riduce l’educazione ai giovani pur essendo essenziale per tutte le età”, sostengono gli scienziati. La richiesta: “sia rivisto il titolo per il commissario Gabriel” in “Istruzione, ricerca, innovazione e giovani” e il Parlamento sostenga questa revisione “prima di confermare le nomine dei commissari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia