Consiglio permanente: comunicato finale, Incontro di Bari affinché “il Mediterraneo torni Mare Nostrum”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Nel corso dei lavori del Consiglio permanente sono stati offerti e approfonditi contenuti e modalità dell’“Incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo” (Bari, 19–23 febbraio 2020). L’evento – “dalla forte valenza simbolica”, come ricorda il comunicato finale reso noto oggi – riunisce insieme con il Santo Padre un’ottantina di rappresentanti delle Chiese dei 19 Paesi che si affacciano sul Mediterraneo; intende essere, innanzitutto, un momento di fraternità fra i vescovi in comunione con il Successore di Pietro.
Nel dibattito che ne ha arricchito la presentazione, è stata sottolineata “l’importanza di guardare al Mediterraneo con l’attenzione all’aspetto ecumenico e interreligioso, ai migranti e alle opportunità di natura economica”.
La realizzazione dell’incontro impegna “a recuperare le radici culturali che hanno innervato la storia del Mare Nostrum e dell’Europa. Ne nasce la responsabilità di uno sguardo profetico, che aiuti le Chiese a trovare le vie per rinnovare la loro missione evangelizzatrice, nonché per osare la pace e fondarla sul diritto, la giustizia sociale, la riconciliazione, la salvaguardia del creato”.
Si tratta – è stato evidenziato – “di riproporre insieme la profezia dei cristiani del Mediterraneo, individuando le vie con cui accogliere l’altro con la sua tradizione religiosa, alimentare una convivenza che si traduca in fraternità, testimoniare come le religioni possano costruire unità, rispetto a ogni prospettiva o tentazione di scontro di civiltà”.
Le giornate di Bari – che vedono coinvolta la diocesi nel cammino di preparazione e organizzazione – saranno impostate sul confronto circa alcune questioni fondamentali segnalate dalle diverse Chiese; l’intento è quello di arrivare a mettere a fuoco proposte concrete e fattive.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy