Paraguay: sabato scorso piantati dai giovani 75mila alberi al termine del Triennio della gioventù. L’iniziativa riconosciuta di interesse nazionale dal Parlamento

Il Congresso del Paraguay ha dichiarato di interesse nazionale la campagna ambientale “Un giovane, un albero, una vita” promossa dalla Pastorale giovanile della Chiesa paraguagia, in collaborazione con il Coordinamento nazionale del ministero della Gioventù. La campagna consisteva nel “gesto comune” di piantare circa 75 mila alberi in tutto il paese il 21 settembre, in onore della giovinezza e della primavera che inizia in questi giorni nell’emisfero australe. Il presidente della Conferenza episcopale paraguagia (Cep), mons.Adalberto Martínez Flores, vescovo di Villarrica, e il vescovo referente della Pastorale giovanile, mons. Pierre Jubinville, vescovo di San Pedro, e tutti i vescovi del Paraguay esprimono attraverso l’ufficio stampa della Cep la loro “gioia, orgoglio e accompagnamento nella realizzazione del gesto comune”. Secondo un rapporto della Nasa, tra il 1987 e il 2012 sono andati perduti in Paraguay quasi 44 mila chilometri quadrati di boschi (più o meno un’area quanto gli interi Piemonte e Lombardia). Per questo i giovani, che hanno vissuto il triennio dedicato dalla Chiesa del Paraguay alla gioventù, si sono sensibilizzati si questo tema. L’iniziativa non si limiterà al semplice gesto di “piantare” gli alberi, ma anche si continuerà a seguire la loro crescita. Contemporaneamente, si stanno tenendo ulteriori momenti di informazione e sensibilizzazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo