Migrazioni: vertice a Malta. Avramopoulos, “tutti gli Stati partecipino all’accoglienza”. Lamorgese, “Italia e Malta non sono più sole”

Malta, 23 settembre: conferenza stampa al termine del vertice

(Bruxelles) “L’Unione europea farà in modo che tutti gli Stati membri partecipino agli sforzi di solidarietà per l’accoglienza dei migranti”: Dimitri Avramoupoulos, commissario Ue, lo ha riferito al termine del minivertice svoltosi a Malta sul nodo-migrazioni. Gli ha fatto eco il ministro dell’Interno italiano, Luciana Lamorgese, al suo esordio sulla scena internazionale: “da oggi Italia e Malta non sono più sole. C’è la consapevolezza che i due Paesi rappresentano la porta d’Europa”. Secondo una interpretazione ottimistica, il summit cui hanno preso parte Italia, Francia, Germania, Malta e Finlandia (Stato alla presidenza di turno Ue) dovrebbe mettere in moto la revisioni del regolamento di Dublino per la politica europea d’asilo. Micheal Farrugia, ministro maltese, lo ha confermato: “È stato raggiunto un accordo per un documento comune da discutere al Consiglio affari interni che si terrà a Lussemburgo l’8 ottobre”. Lamorgese a sua volta ha specificato: “abbiamo trovato un clima positivo perché la politica migratoria va fatta insieme agli altri Stati. Noi abbiamo sempre detto che chi arriva a Malta e in Italia arriva in Europa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo