Consiglio permanente: mons. Meini, urgente “inversione di rotta” per “nuovo equilibrio tra ambiente e lavoro”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Superare “l’ambito strettamente ecclesiale amazzonico, protendendosi verso la Chiesa universale e anche verso il futuro di tutto il pianeta”. È questo, ha ricordato mons. Mario Meini, vescovo di Fiesole e vicepresidente della Cei, nell’introduzione ai lavori del Consiglio episcopale permanente, l’obiettivo principale del Sinodo speciale per la regione panamazzonica, indetto dal Papa dal 6 al 27 ottobre. I “Lineamenta” delle prossime Settimane Sociali, che verranno presentati nel corso dei lavori, “si inseriscono a pieno titolo nella denuncia di quanto un’economia, che non abbia riguardo per la sostenibilità sociale e ambientale, finisca per portare l’umanità nel baratro”, ha annunciato il vescovo. “Assumere la prospettiva di un’ecologia integrale – così come proposto dalla Laudato si’ – significa impegnarci in maniera corale per un’inversione di rotta, all’insegna di un nuovo equilibrio tra ambiente e lavoro, tra aspetto ecologico e aspetto sociale”, l’invito. Per la Cei, “si tratta ancora di rilanciare la missione della Chiesa di fronte alle sfide del nostro tempo, per non rassegnarci all’insignificanza nella società e nel mondo”, partendo dalla consapevolezza che “l’annuncio e la testimonianza del Regno di Dio vanno al di là dei confini delle nostre comunità e della Chiesa stessa; con il Vangelo portiamo un bene che riguarda tutta la persona”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo