Anziani: Uneba, a Rimini non profit dell’assistenza a convegno su sfide e opportunità per la società del futuro

Come cambia l’Italia che invecchia? E come devono cambiare i servizi per gli anziani? Come rispondere, in particolare, ai bisogni degli anziani che vivono nei piccoli paesi, lontano dalle grande città? Sono i temi al centro del primo giorno del convegno nazionale “L’invecchiamento: sfide e opportunità per la società di domani”, in programma mercoledì 25 settembre a Rimini (Hotel Continental – viale Vespucci 40). Lo organizza Uneba, la più longeva e rappresentativa organizzazione di categoria del settore sociosanitario, educativo, assistenziale, con oltre 900 enti associati in tutta Italia, quasi tutti non profit di radici cristiane. Circa 50 gli associati in Emilia Romagna. Il convegno è in collaborazione con Uneba Emilia Romagna, Fondazione Don Carlo Gnocchi, Scuola superiore di Scienze dell’educazione San Giovanni Bosco di Firenze e Scuola di Psicoterapia integrata di Massa. Ad aprire i lavori il presidente nazionale di Uneba Franco Massi, il presidente di Uneba Emilia, Romagna Fabio Cavicchi, e don Vincenzo Barbante, presidente della Fondazione Don Gnocchi. Si parlerà di impatto sociale, sanitario, economico dell’invecchiamento; di come accompagnare questo passaggio; di accessibilità e sostenibilità delle cure; di tecnologia dell’assistenza; di ruolo degli operatori. A moderare gli interventi Francesco Ognibene, giornalista di Avvenire. Cronicità, acuzie, demenze, autonomia e innovazione tecnologica saranno tra i temi dei 6 workshop della mattina di giovedì 26, che comprenderanno anche la presentazione di “buone pratiche” di enti associati Uneba. Chiusura in plenaria giovedì 26 pomeriggio con la presentazione della ricerca Uneba che mette a confronto servizi e costi delle strutture residenziali per anziani nelle diverse Regioni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo