Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Brexit: Junker, “accordo possibile”. Usa: Spari a Washington, un morto. Siria: abbattuto drone israeliano

Brexit: Junker (Ue), “accordo possibile, no deal disastroso”
Jean-Claude Juncker apre uno spiraglio su un qualche accordo rinnovato di divorzio fra l’Ue e il governo britannico di Boris Johnson, “prima del 31 ottobre”. Il presidente uscente della Commissione paventa una Brexit no deal come “disastrosa” sia per il Regno Unito sia per i Paesi dell’Ue, in una intervista rilasciata a SkyNews. Junker torna a considerare come possibile soluzione alternativa alla clausola del backstop sul confine aperto irlandese quella del mantenimento di legami con la normativa commerciale europea per la sola Irlanda del Nord.

Usa: Spari a Washington, un morto e 5 feriti
Una persona sarebbe morta e cinque sarebbero rimaste ferite in una sparatoria avvenuta a Columbia Heights, nella parte nordoccidentale di Washington, non lontano dalla Casa Bianca. Lo riferiscono media americani, mentre gli investigatori stanno cercando di capire chi abbia sparato e perché. L’ipotesi più accreditata è quella di un caso di criminalità comune.

Siria: abbattuto drone israeliano nei pressi di Damasco
Un drone non meglio identificato è stato abbattuto ieri sera nei pressi della capitale siriana Damasco. Lo riferisce l’agenzia governativa Sana, citando fonti locali. Il drone sarebbe stato abbattuto nei pressi di Aqraba, località a est di Damasco. Altre fonti di stampa siriane affermano che il drone era israeliano e che prima del suo abbattimento si sono verificate esplosioni nel sobborgo di Jaramana.

Cronaca: Trento, in carcere la madre del neonato trovato morto
È stata dimessa dall’ospedale di Merano e trasferita nella sezione femminile del carcere di Trento la giovane donna rumena accusata di avere ucciso e abbandonato il figlio neonato. La donna di 25 anni è accusata di omicidio aggravato e di occultamento di cadavere. Il corpo senza vita del neonato era stato ritrovato, lunedì, da una turista tedesca sotto un cespuglio. Oggi si terrà l’udienza di garanzia nei confronti della donna. Nella stessa giornata di oggi sono attesi anche gli esiti dell’autopsia sul corpo del neonato.

Uragano Lorena: Messico, colpita la costa del Pacifico
L’uragano Lorena ha toccato terra sulla costa del Pacifico dello Stato messicano occidentale di Jalisco, accompagnato da onde di oltre cinque metri e venti con punte di 150 chilometri l’ora. Le prime informazioni diffuse attraverso le reti sociali dalle autorità messicane segnalano che vi sono stati alcuni danni all’infrastruttura stradale, ma non vittime. Il punto di impatto con la Terra, si è inoltre appreso, è avvenuto nella località di Tomatlán, una zona poco popolata ed abitata da pescatori, da cui comunque sono state evacuate molte centinaia di persone.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori