Sinodo Amazzonia: Roma, oltre 130 appuntamenti con 50 leader indigeni

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Oltre 130 appuntamenti, che vedranno una folta presenza di popoli nativi. È “Amazzonia: casa comune”: uno spazio fisico d’incontro, di ascolto e di preghiera per chi vuole conoscere la realtà e la spiritualità di una regione transnazionale che è il “polmone verde” del nostro pianeta e si estende per 7,5 milioni di chilometri quadrati. A presentare l’evento che accompagnerà, a Roma, tutto lo svolgimento del Sinodo convocato da Papa Francesco dal 6 al 27 ottobre, è stato fratel Antonio Soffiantini, della segreteria esecutiva di “Amazzonia: casa comune”, una rete ecclesiale che riunisce enti, istituzioni, associazioni, congregazioni e cittadini romani. Tra le iniziative che accompagneranno il Sinodo, una veglia animata dai giovani nella Chiesa Traspontina, alle 19.30; una Messa “Terra senza mali”, il 12 ottobre nello stesso luogo, “come richiesta di perdono, ma anche di riconciliazione”, e un pellegrinaggio per l’Amazzonia lungo le strade del centro di Roma, da Monte Mario a piazza San Pietro. Gli orari degli appuntamenti, hanno spiegato gli organizzatori, sono stati studiati anche per permettere la partecipazione dei padri sinodali. Tra i protagonisti, anche 50 leader indigeni che guideranno e animeranno dibattiti e tavole rotonde, oltre a presentare le loro difficoltà e a raccontare la loro visione dell’ambiente e del futuro.


 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori