Diocesi: Casale Monferrato, in assemblea si riflette sulla sfida “Dalla conservazione dell’esistente alla missione evangelizzatrice”

“Chi terrà vivo l’annuncio del Vangelo, la vita comunitaria, la carità e la dimensione spirituale nelle nostre parrocchie? Come faremo ad essere missionari che portano a chi è indifferente la gioia del Vangelo? Questa è la nostra sfida che già adesso, sacerdoti e laici, incominciamo a raccogliere. Dalla conservazione dell’esistente alla missione evangelizzatrice”. Lo afferma il vescovo di Casale Monferrato, mons. Gianni Sacchi, nella lettera pubblicata sul settimanale diocesana “La Vita casalese” in edicola da oggi attraverso la quale invita a partecipare all’assemblea diocesana che prenderà il via nelle serate del 25 e 26 settembre.
“Ai nostri sacerdoti ho detto chiaramente che ora non ci sono più scuse”, prosegue il vescovo, che “dobbiamo metterci in gioco e lasciarci alle spalle schemi pastorali che hanno fatto il loro tempo, per essere capaci di inventare modalità nuove di annuncio del Vangelo, a cominciare dal cammino personale, in cui ognuno di noi si interroga su come la propria vita è segno della presenza del Risorto”.
L’assemblea “Un percorso di discernimento pastorale per la nostra diocesi” sarà ospitata, in entrambe le serate con inizio alle 20.45, nella cattedrale di Sant’Evasio. Ad aiutare nella riflessione sarà suor Katia Roncalli della Congregazione Suore francescane Alcantarine. L’assemblea continuerà poi il 15 ottobre con un dialogo tra i partecipanti e suor Roncalli per concludersi il 16 ottobre con le indicazioni programmatiche di mons. Sacchi che, nel corso del prossimo anno, a partire da gennaio 2020, compirà la visita pastorale alle unità pastorali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy