Vaccini: Juncker (Commissione Ue), “intensificare urgentemente gli sforzi per fermare la diffusione di malattie a prevenzione vaccinale”. Cresce in Ue il rifiuto

Bruxelles, 7 maggio: la conferenza stampa del presidente della Commissione Jean-Claude Juncker

(Bruxelles) “È ingiustificabile che in un mondo sviluppato come il nostro ci siano ancora bambini che muoiono a causa di malattie che avrebbero dovuto essere debellate da tempo. Tanto più che abbiamo la soluzione in mano, ma non viene sfruttata appieno”. Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker aprendo oggi a Bruxelles il primo vertice mondiale sulla vaccinazione, organizzato insieme all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). “La vaccinazione evita già 2-3 milioni di decessi l’anno e potrebbe prevenirne altri 1,5 milioni se la copertura vaccinale globale migliorasse”. Da qui l’appello a “intensificare urgentemente gli sforzi per fermare la diffusione delle malattie a prevenzione vaccinale, come il morbillo”. Da parte di Juncker l’assicurazione che “la Commissione continuerà a collaborare con gli Stati membri dell’Ue nei loro sforzi nazionali e con i partner globali”. Tra i temi del vertice i molteplici ostacoli alla vaccinazione, compresi i diritti, le regolamentazioni e l’accessibilità dei servizi di vaccinazione. In agenda anche “intensificazione dello sviluppo dei vaccini e modalità per garantire che l’immunizzazione sia una priorità per la salute pubblica e un diritto universale”. La relazione sullo stato della fiducia nei vaccini nell’Ue mostra invece che “in molti Stati membri dell’Ue il rifiuto dei vaccini è in aumento, in connessione con una scarsa fiducia nella sicurezza e nell’efficacia dei vaccini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo