Prevenzione suicidio: Bressanone, oggi un convegno della Rete altoatesina. “Lavorare insieme per salvare vite umane”

“Lavorare insieme, per prevenire il suicidio”: all’insegna dello slogan ufficiale della odierna Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio si è tenuto questa mattina a Bressanone, presso la Libera Università di Bolzano, il convegno specialistico promosso e organizzato dalla Rete altoatesina di prevenzione del suicidio. Obiettivo? Sensibilizzare l’opinione pubblica e sviluppare ulteriormente le cosiddette misure di “pronto soccorso per l’anima”. Ricerca scientifica e un apposito piano di prevenzione del suicidio dovranno costituire la base delle future iniziative e azioni.
La Rete di prevenzione del suicidio è nata due anni fa, con l’obiettivo di ridurre il tasso di suicidi e i tentativi di suicidio in Alto Adige. “Durante il convegno abbiamo presentato due novità: un nuovo sito internet appositamente dedicato (anche www.suizid-praevention.it) e un dépliant che offre aiuto e informazioni utili”, spiega Guido Osthoff, responsabile area della Caritas e coordinatore della rete. “Oltre a suggerimenti utili per un approccio corretto alle crisi psichiche dei nostri prossimi, sulla pagina web si trovano i contatti e i riferimenti per ricevere aiuto presso i servizi sanitari, i servizi di consulenza a bassa soglia, i gruppi di auto-aiuto presenti sul territorio nonché offerte formative pedagogiche specifiche. In questo modo abbiamo reso maggiormente visibili i numerosi punti di riferimento in questo ambito esistenti in Alto Adige”, aggiunge Sabine Cagol della Eaad–Eos Cooperativa e responsabile dell’Ambulatorio specialistico per la salute psicosociale nell’età infantile ed evolutiva a Brunico.
Ulteriore obiettivo della rete è quello di fornire alle iniziative esistenti un solido quadro di riferimento e, allo stesso tempo, definire le attività o le offerte mancanti nel campo della prevenzione dei suicidi. “Questo è il motivo per cui abbiamo iniziato a sviluppare un piano di prevenzione del suicidio per l’Alto Adige. Il piano conterrà oltre a importanti definizioni di concetti e termini di base anche 10 obiettivi concreti, per stabilire il campo di attività e le azioni da mettere in campo per la prevenzione del suicidio in Alto Adige”, spiega Peter Koler, direttore del Forum prevenzione e membro della rete. “Nei prossimi mesi molti partner della nostra rete organizzeranno e proporranno su tutto il territorio diversi corsi di ‘ pronto soccorso per l’anima’. Inoltre, con l’aiuto del nuovo piano di prevenzione dei suicidi, vorremmo portare avanti ulteriori provvedimenti urgenti”, hanno concluso i membri della Rete di prevenzione del suicidio.
La Rete di prevenzione del suicidio raccoglie più di 20 partner pubblici e del terzo settore ed è coordinata dalla Caritas di Bolzano-Bressanone, Eaad–Eos Cooperativa, dal Forum Prevenzione, Telefono Amico, da rappresentanti dei servizi psichiatrici e psicologici, del Supporto umano nell’emergenza, della Libera Università di Bolzano e della Direzione Istruzione e formazione tedesca e italiana.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo