Sentiero di Francesco: mons. Paolucci Bedini (Gubbio), “procedere insieme agli altri per scoprire la ricchezza della diversità”

“Un cammino che, ispirandosi al percorso di Francesco, pone al centro il tema della riconciliazione, includendo in essa un momento di incontro, di rinascita e di ripartenza nei confronti prima di tutto di se stessi e poi del creato, degli altri e di Dio”: così il vescovo di Gubbio, mons. Luciano Paolucci Bedini, definisce “Il Sentiero di Francesco”, in programma dall’1 al 3 settembre e presentato ufficialmente a Perugia. Giunto all’undicesima edizione, il cammino prevede un percorso a piedi da Assisi a Gubbio, ripercorrendo l’itinerario compiuto da Francesco dopo la scelta radicale della povertà, e quest’anno ha come tema “L’Altro, un Fratello che cammina con me”. “Vogliamo mettere in evidenza che il cammino ci dà la possibilità di procedere insieme ad altri, che la diversità è una ricchezza da scoprire e riscoprire ogni volta e che l’altro non è una minaccia ma prima di tutto un fratello” prosegue il vescovo di Gubbio, evidenziando lo spazio che durante gli incontri e le riflessioni verrà dato al tema delle migrazioni e alla riscoperta di relazioni più umane.

Insieme alle diocesi di Assisi e di Gubbio, promuovono l’evento, tra gli altri, i Comuni di Assisi e Gubbio. “Il cammino è unico al mondo non solo per i paesaggi bellissimi attraversati, ma perché ripercorriamo la rivoluzione di Francesco, ancora oggi viva nel mondo” afferma il sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Le fa eco Oderisi Nello Fiorucci, assessore al Turismo e alla Cultura di Gubbio: “Vogliamo valorizzare non solo il patrimonio culturale, ma anche quello spirituale della nostra regione”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy