Rohingya: Msf, “desolante la situazione di coloro che sono rimasti in Myanmar”

“Resta desolante la situazione dei Rohingya rimasti in un limbo in Myanmar, dove nel 1982 una legge sulla cittadinanza li ha resi a tutti gli effetti apolidi. Negli ultimi anni sono stati privati di ancor più diritti: dall’inclusione civica al diritto all’istruzione, dalla possibilità di sposarsi alla pianificazione familiare, dalla libertà di movimento all’accesso alle cure mediche. Nel 2012 la violenza tra i Rohingya e le comunità dello stato del Rakhine ha portato alla distruzione di molti villaggi”. Lo denuncia oggi Medici senza frontiere (Msf), in una nota. Da allora, “circa 128.000 musulmani Rohingya e Kaman nel Rakhine centrale vivono in campi sfollati sovraffollati e precari. Poiché viene negata loro la libertà di movimento, di lavoro, nonché l’accesso ai servizi di base, dipendono esclusivamente dagli aiuti umanitari”.
“Non ci sono reali opportunità di lavoro qui, quasi non ci sono pesci da pescare. Non riusciamo nemmeno a comprare le cose che vogliamo perché qui non ci sono commerci – osserva Suleiman, un Rohingya a Nget Chaung, area in cui vivono circa 9.000 persone -. Le persone qui sono tristi, frustrate di non poter andare da nessuna parte né fare qualcosa. Teniamo dentro di noi la frustrazione perché non possiamo parlare della nostra situazione, non ci sono spazi per farlo. Non possiamo nemmeno spostarci verso la città più vicina, siamo in gabbia”.
Tra i 550.000 e i 600.000 Rohingya sono rimasti a vivere nello stato del Rakhine. Le loro condizioni di vita, già difficili, sono ulteriormente peggiorate con l’inasprirsi del conflitto tra l’esercito del Myanmar e quello dell’Arakan, un gruppo armato etnico del Rakhine.
Anche in Malesia, Paese verso cui fuggono da oltre 30 anni, ricorda Msf, “i Rohingya si trovano in un limbo. La mancanza di uno status giuridico li porta, insieme agli altri rifugiati e richiedenti asilo, a vivere in una crescente condizione di precarietà. Non potendo lavorare legalmente, finiscono nel mercato nero, sfruttati, a volte costretti alla schiavitù per aver contratto debiti ed esposti a incidenti sul lavoro. Perfino mentre camminano per strada o cercano cure mediche possono essere presi e reclusi in centri di detenzione o finire vittime di estorsione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori