Ponte Morandi: Genova si prepara al ricordo. Alle 10 la messa poi alle 11.36 suoneranno le campane di tutte le chiese

Prenderà il via fra meno di mezz’ora, a Genova, la cerimonia per ricordare il crollo di Ponte Morandi, avvenuto esattamente un anno fa, alle 11.36 del 14 agosto 2018. Quel giorno, mentre sulla città si stava scatenando un violentissimo temporale, il viadotto Morandi crollò improvvisamente su se stesso inghiottendo auto e camion e spezzando la vita di 43 persone. Le immagini di quanto accaduto fecero immediatamente il giro del mondo e rimbalzarono su tutti i mass media. La cerimonia si svolgerà in un capannone poco distante da dove sta sorgendo la prima “pila” del nuovo ponte progettato dall’architetto genovese Renzo Piano. L’arcivescovo di Genova, card. Angelo Bagnasco, celebrerà la messa alla quale parteciperà anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, mentre in tutta la città – alle 11.36 – suoneranno a lutto le campane di tutte le chiese. Oltre al Capo dello Stato, sono attesi a Genova il premier, Giuseppe Conte, e 10 ministri tra cui i due vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Non sarà il giorno “delle celebrazioni o delle polemiche” hanno ribadito più volte i commissari all’emergenza e alla ricostruzione, Giovanni Toti e Marco Bucci, ma solo una occasione per ricordare le vittime. Sono, infatti, attesi 185 familiari delle vittime del crollo e circa 5mila cittadini che parteciperanno al di fuori dal capannone visto che questo può ospitare un massimo di 450 persone. Coloro che non potranno avvicinarsi al capannone potranno seguire la cerimonia attraverso 2 maxi-schermi che sono stati sistemati poco lontano. Per l’occasione sono state chiuse alcune strade e la viabilità ordinaria ha subito ulteriori modifiche.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori