Istituto Toniolo: Assisi, Summer School sulla pace. Messaggio ai giovani, “l’Europa è un vostro diritto, non fatevelo rubare”

“L’Europa è una ricchezza. L’Europa è un vostro diritto, non fatevelo rubare!”. Lucia Serena Rossi, giudice alla Corte di Giustizia dell’Unione europea, ha concluso così, con un appello ai giovani presenti, il suo intervento alla Summer School “Building future on peace” in corso ad Assisi, organizzata dall’Istituto Toniolo dell’Azione cattolica e altre realtà del mondo cattolico e il patrocinio di Parlamento europeo e Commissione Uepoliti. L’Ue è l’ultima sponda, nel complesso momento storico attuale, cui i poteri dello Stato possono appellarsi per difendere lo Stato di diritto, ha spiegato Rossi. Francesco Viola, dell’Università degli Studi di Palermo, ha invece affermato che “il popolo europeo ha bisogno di popoli nazionali coesi, cioè permeati da un spirito di fraternità. Ma la fraternità oggi è la grande assente. La vita pubblica deve generare fratelli”. E ancora: “Le religioni svolgono un ruolo fondamentale in questo campo”. Sempre Viola: “Dobbiamo abbandonare l’idea di una identità segnata da una nazione o una religione ed aprirci a un’identità dialogica che non rinnega il dissenso”. In questo senso le religioni “devono essere testimoni di uno stile dialogico”.

Fabio Raspadori, dell’Università degli Studi di Perugia, ha a sua volta presentato gli strumenti giuridici e finanziari dell’azione esterna dell’Ue attraverso cui la “società civile può diventare protagonista di processi di pace”. Il concetto stesso di pace è, secondo il relatore, un “concetto dinamico: occorre non solo preoccuparsi di debellare le condizioni che generano il conflitto, ma anche mettere in campo azioni concrete di sostegno alla pace”. I lavori proseguono oggi con l’incontro con testimoni di pace. La Summer School si concluderà venerdì.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo