Diocesi: Campobasso-Bojano, oggi il ricordo di mons. Vittorio Fusco a vent’anni dalla morte

La diocesi di Campobasso-Bojano ricorda oggi mons. Vittorio Fusco a vent’anni dalla morte. Questa sera, alle 19.30 l’arcivescovo mons. GianCarlo Bregantini presiederà una s. messa in sua memoria nella chiesa Madonna della Libera a Campobasso. Mons. Fusco, originario di Campobasso, fu vescovo di Nardò-Gallipoli. Un episcopato breve il suo – durato appena quattro anni – che ha lasciato però un segno determinante per il cammino pastorale sia sul piano dei contenuti, che nello stile. Le sue azioni pastorali sono riconducibili all’Azione Cattolica e al Cammino Neocatecumenale. L’autenticità e la profondità dei rapporti che stabiliva con le persone che incontrava, con le quali entrava subito in empatia cordiale e umana – come ricordano le testimonianze pervenute dalla diocesi di Gallipoli – hanno generato nelle persone che lo hanno conosciuto la consapevolezza di “sentirsi accolte ed amate”. Modestia e umiltà hanno caratterizzato il suo episcopato insieme all’intuito e ad una straordinaria passione pastorale con la quale sembrava volersi rivalere del tempo dedicato allo studio ed una forte connotazione missionaria della Chiesa, su cui tanto insiste l’esortazione apostolica Evangelii Gaudium di Papa Francesco. Le spoglie di mons. Fusco sono conservate ai piedi dell’altare del SS. Sacramento nella concattedrale di Gallipoli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo