Banco Alimentare: Malaguti (Fondazione), “la nostra missione è recuperare il cibo sprecato e donarlo a chi ha bisogno”

“Il trentennale del Banco Alimentare rappresenta per noi un momento in cui incontrare tutte quelle persone che in questi anni abbiamo avuto in dono. Già perché questa storia, questa avventura, nasce e perdura proprio grazie agli incontri tra persone che si sono appassionate alla nostra mission: recuperare il cibo che altrimenti andrebbe sprecato, e farlo avere a chi si trova in difficoltà nel nostro Paese”. Lo ha detto Giuliana Malaguti, responsabile comunicazione fondazione Banco Alimentare, intervenendo alle celebrazioni per i 30 anni del Banco Alimentare in Italia, che con il tour “Compagni di Banco. Da 30 anni in viaggio” ha fatto tappa a Firenze. Malaguti ha poi parlato, a margine del convegno a Palazzo Vecchio, dei prossimi appuntamenti che vedranno il Banco Alimentare presente anche al Meeting di Rimini, con una mostra che lo ritrae come esempio di economia circolare: “Tanti progetti che ci vedono impegnati con la Federazione europea di Banchi Alimentari, con altre esperienze nel mondo, e con organizzazioni che proprio come noi si occupano di combattere lo spreco”.  “Da qui al 2030 tutti i Paesi membri saranno chiamati a contribuire ai cosiddetti Sustainable Development Goals (SDGs), che sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile che l’agenda delle Nazioni Unite ha sottoscritto e rispetto alla quale ogni Paese è impegnato. Noi stessi contribuiremo come Banco Alimentare al raggiungimento dell’obiettivo 12.3 che è quello che si colloca all’interno del consumo responsabile e che nello specifico, parla di lotta allo spreco. Quindi l’auspicio è che ognuno di noi sia sempre più responsabile delle proprie azioni e delle conseguenze di esse”, ha concluso.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia