Rondine: Zamagni (Pass), “imprenditori di pace capaci di innovare i processi produttivi”

“Lo sviluppo è il nuovo nome della pace”. Lo ha detto Stefano Zamagni, presidente della Pontificia accademia delle Scienze sociali (Pass), a conclusione della quarta edizione di YouTopic Fest. Ripartendo dall’enciclica Populorum progressio di Paolo VI, il docente dell’Università di Bologna, ha evidenziato come dalla relazione tra economia e conflitto emerga “una strada praticabile per uno sviluppo integrale della società, che sappia vivere nel conflitto senza degenerare in guerra armata e distruzione”. “Lo sviluppo è il nuovo nome della pace e lo sviluppo integrale dell’umano avviene solo se c’è equilibrio tra tre dimensioni: quella della crescita, quella socio-relazionale e quella spirituale”. Allora ha senso parlare di impresa di pace? Per Zamagni è così. Parla di “antidoto contro la guerra e trova in Rondine un’idea vincente, che ha il coraggio di andare controcorrente”. “Un luogo che prepara imprenditori di pace capaci di innovare i processi produttivi. L’impresa di pace appartiene alla missione di Rondine – ha aggiunto Zamagni –, perché è imprenditore di pace colui che è capace di combinare gli elementi che lo compongono accettando le diversità e particolarità del singolo, che arricchiscono entrambi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori