Missione: Milano, al convento dei Cappuccini sabato si festeggiano 31 volontari in partenza

C’è chi le vacanze le fa da missionario. A organizzare queste esperienze ogni anno è fra Emilio Cattaneo al convento dei Frati Cappuccini di piazzale Cimitero Maggiore 5, a Milano. I 31 laici lombardi in partenza a luglio si presenteranno sabato 15 giugno con una festa in convento aperta alla città (per arrivare: tram 14 oppure Metro Rossa per Rho Fiera, fermata Uruguay, e poi pullman 40).
Dalle 16,30, stand di oggettistica etnica, musica, testimonianze, street food (dalle 18) con la pizza sfornata al momento da alcuni dei panettieri volontari a “Pane in Piazza”, la manifestazione benefica in piazza Duomo durante Milano Food City. Le offerte andranno per l’emergenza nelle regioni anglofone del Camerun, dove i Cappuccini sono presenti con una realtà missionaria importante in varie parrocchie nel Nord Ovest, molto attive nel contrasto alle sofferenze causate dalla crisi politica e sociale scatenatasi nel 2016 tra forze governative francofone, rappresentanti le forze dominanti, e i separatisti (la parte anglofona, portatrice di rivendicazioni e secessionista). Nella zone dove gli scontri sono più accesi, la popolazione è in maggioranza di poveri agricoltori. Centinaia hanno perso la casa, andata bruciata, e hanno grandi difficoltà nel lavoro dei campi. Alle 17,30, la S. Messa sarà presieduta dal ministro provinciale della Lombardia dei Cappuccini, fra Sergio Pesenti, che consegnerà il Tau ai volontari diretti rispettivamente 20 in Africa (Benin, Etiopia, Costa d’Avorio –Zimbawe e Kenya) e 11 in Georgia, in aiuto alle locali comunità. Animerà la funzione il coro missionario Bandeko, con i suoi canti tipici dei vari Continenti.
Tra i volontari che partiranno, Annalisa Bergamaschi, 56 anni, di Sedriano, una “veterana”: da vent’anni passa un mese d’estate in Africa.
“Non sono sposata – racconta -, insegno alla scuola materna e mi dedico alla missionarietà perché è la mia vocazione. Sono responsabile del gruppo missionario della mia parrocchia, San Remigio, organizziamo raccolte fondi, la giornata del sostegno a distanza, il mercatino di Natale. In luglio vado in Costa d’Avorio a Zouan-Hounien da fra Gianluca Lazzaroni, responsabile del sostegno a distanza nel Paese, e in agosto in Benin, dalle suore di clausura. Tre sono marchigiane. Le aiutiamo nell’animazione per i bambini e nei lavori manuali. Producono il sapone artigianale. I religiosi seguono la popolazione locale indipendentemente dalla loro religione, quello che conta è la dignità della persona”. La volontaria aggiunge: “La missione è un’esperienza che ti arricchisce molto e ti aiuta anche ad essere più consapevole di quanto abbiamo a casa nostra”. Info: https://www.missioni.org/sostienici-2/

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori