Papa in Bulgaria e Macedonia del Nord: Gisotti, “viaggi ispirato alle figure di san Giovanni XXIII e santa Madre Teresa di Calcutta”

Un viaggio “molto illuminato e ispirato alle figure di san Giovanni XXIII e santa Madre Teresa di Calcutta, presenti anche nei due loghi”. Così il direttore “ad interim” della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, ha definito il 29° viaggio apostolico del Papa, che dal 5 al 7 maggio visiterà la Bulgaria e la Macedonia del Nord, superando il traguardo dei 40 Paesi finora visitati. “Papa Francesco non è mai stato né in Bulgaria, né in Macedonia”, ha ricordato Gisotti durante il briefing odierno in sala stampa vaticana: “È la seconda volta che un Pontefice si reca in Bulgaria, dopo Giovanni Paolo II, che ha visitato la Bulgaria nel 2002 insieme all’Azerbaijan. È la prima volta in assoluto, invece, che un Pontefice visiterà la Macedonia”. “Il Papa – ha riferito il portavoce vaticano – si sente da loro ‘accompagnato’ a ripercorrere le orme di Papa Giovanni e di Madre Teresa”, come è evidente nel videomessaggio per la Bulgaria – cui seguirà un videomessaggio per la Macedonia – nel quale c’è “un immediato riferimento a Roncalli”. “Da parte di entrambi i governi – ha assicurato il direttore della Sala Stampa vaticana rispondendo alle domande dei giornalisti – c’è stata grandissima collaborazione e disponibilità per questo viaggio”. La Bulgaria è un Paese di sette milioni di abitanti, e la stragrande maggioranza della popolazione appartiene alla Chiesa ortodossa: “Solo l’1% della popolazione è cattolico, circa 70mila persone”, ha reso noto Gisotti, “i musulmani sono circa l’8%”. La Macedonia del Nord conta due milioni di abitanti, due terzi dei quali ortodossi e un terzo musulmano. I cattolici sono circa 15mila. “Un piccolo gregge, piccole presenze, ma così fondamentali nella storia di questi due Paesi”, ha commentato il portavoce vaticano: “Il Papa, nel suo viaggio, si riferirà ad una zona particolare d’Europa, ma con una proiezione di pace e di dialogo per tutto il continente”, ha aggiunto a proposito dei possibili contenuti del viaggio, durante il quale Francesco farà in totale 12 interventi, di cui 5 discorsi, 3 omelie, 3 preghiere e un saluto. Parlerà sempre in italiano, con traduzione e maxischermi. Per dare il polso del clima di attesa che si respira in questi giorni nei due rispettivi Paesi, Gisotti ha fatto presente che a Skopje i bus viaggiano con manifesti di Francesco sulla fiancata.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy