Elezioni europee: affluenza in crescita. Portogallo e Malta tra i Paesi in calo

(Bruxelles) Cresce l’affluenza alle urne in molti dei 21 Paesi europei che stanno votando oggi per le elezioni. Alle 15 in Ungheria aveva votato il 30,52% degli elettori, quasi l’11% in più rispetto al 2014 (19,53%); in Estonia alle 15 erano andati il 34% dei votanti (31,48% nel 2014), in Danimarca il 37,6% (30,2% nel 2014). In Romania l’aumento è del 13%: oggi alle 15 avevano votato il 31,42% dei rumeni (18,41% nel 2014). Meno significativa ma pur sempre in crescita l’affluenza alle urne per la Francia: oggi – dato delle ore 12 – avevano votato il 19,26% dei francesi, un +3,56% rispetto al 2014. Netto rialzo anche in Spagna: alle 14 il 34,68% degli spagnoli aveva già votato; nel 2014 alla stessa ora erano stati il 23,87%. Anche i polacchi sembrano votare in modo più consistente: alle 12 avevano votato il 14,39% degli aventi diritto, 7,08 % in più rispetto al 2014. In Germania cresce l’affluenza: il 29,4% dei tedeschi avevano votato alle 14, il 3,8% in più della tornata precedente. In lievissimo aumento l’affluenza in Italia (alle 12 avevano votato il 16,73% degli italiani, 0,7% in più rispetto al 2014). Lievemente in calo invece in Portogallo (11,56% di voti espressi alle 14; 12,41% nel 2014 alla stessa ora) e in Bulgaria (15,47%, -3,58% rispetto al 2014). Sempre alle 14 avevano votato il 55% degli austriaci. Tra i Paesi che hanno votato nei giorni scorsi: in Olanda l’affluenza è cresciuta del 3,88%, avendo votato il 41,20% degli olandesi; in Lettonia ha votato il 33,03% degli aventi diritto (+2.91%) a Malta il 72,6% (-2,2%) in Slovacchia il 20,10% (+ 7,95%). Non tutti i dati dei Paesi sono ancora disponibili.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa