72° Festival di Cannes: vince la Palma d’oro il sudcoreano “Parasite”. Miglior attore Antonio Banderas, la regia è dei fratelli Dardenne

Vince la Palma d’oro al 72° Festival di Cannes “Parasite” del regista sudcoreano Bong Joon-ho, incoronato miglior film dall’attrice francese Catherine Deneuve. Il presidente della giuria internazionale, il regista messicano Alejandro González Iñárritu, ha sottolineato l’unanimità della decisione da parte di tutti i componenti della giuria: Alice Rohrwacher (regista, Italia), Paweł Pawlikowski (regista, Polonia), Yorgos Lanthimos (regista, Grecia), Enki Bilal (regista, Francia), Robin Campillo (regista, Francia), Elle Fanning (attrice, Usa), Maimouna N’Diaye (attrice, Burkina Fuso) e Kelly Reichardt (regista, Usa).
La miglior regia si è rivelata quella dei fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne per “Le jeune Ahmed” (Belgio); i Dardenne in passato hanno vinto già due volte la Palma d’oro con “Rosetta” e “L’Enfant”.
Il Grand Prix speciale della giuria è andato alla regista francese Mati Diop per “Atlantique” (Francia, Senegal, Belgio), mentre il Premio della giuria è stato invece assegnato ex aequo a “Les Misérables” (Francia) di Ladj Ly e “Bacurau” (Brasile, Francia) di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles.
Miglior attore, come da previsione, è Antonio Banderas per il film “Dolor y gloria” di Pedro Almodóvar (Spagna), opera che indaga la vita, il tormento e la poesia del regista spagnolo. La Palma per la miglior interpretazione femminile è stata conferita a Emily Beecham per “Little Joe” firmato dall’austriaca Jessica Hausner .
La miglior sceneggiatura è di “Portrait de la jeune fille en feu” (Francia) di Céline Sciamma. Infine, a Elia Suleiman ha ottenuto un riconoscimento speciale per il suo “It Must Be Heaven” (Francia, Canada). L’Italia, rappresentata dal film “Il traditore” di Marco Bellocchio, è rimasta fuori dal Palmares di Cannes72.

(Sergio Perugini)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo