Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Ue, oggi al voto Irlanda e Repubblica Ceca. Stati Uniti, Pentagono indaga sugli Ufo

Elezioni europee: oggi al voto Irlanda e Repubblica Ceca. Appello dagli industriali di Italia, Germania e Francia

Ai seggi per eleggere gli eurodeputati si recano oggi i cittadini di Irlanda e Repubblica Ceca. Le urne nella Repubblica Ceca si aprono oggi pomeriggio alle 14 e fino a domani alla stessa ora si voterà per designare 21 parlamentari europei. Nella Repubblica d’Irlanda i seggi sono aperti dalle 7 di stamane e fino alle 22 di stasera per eleggere 11 deputati più due riserve che entreranno in Parlamento se il Regno Unito lascerà l’Ue. Gli elettori irlandesi sono chiamati a esprimersi anche per il referendum sul divorzio, che in caso di approvazione darebbe al Parlamento la possibilità di legiferare per ridurre gli attuali 4 anni che una coppia deve attendere prima di vedere riconosciuto il divorzio. Un appello al voto europeo giunge invece dai leader delle associazioni datoriali dei primi tre Paesi manifatturieri europei: Vincenzo Boccia per Confindustria, Dieter Kempf per la tedesca Bdi, Geoffrey Rouz de Bézieux per la francese Medef. Affermano: “Come imprenditori e, prima ancora, come cittadini pensiamo sia indispensabile dare un segnale forte ai governi: il destino dell’Ue ci riguarda”.

Cronaca: Genova, scontri tra polizia e antifascisti al comizio di Casapound. Il questore rende visita il giornalista ferito

È polemica attorno agli scontri verificatisi ieri a Genova tra polizia e antifascisti a margine del comizio di Casapound. La polizia ha respinto i manifestanti antifascisti con i lacrimogeni, di fatto isolando la piazza di Genova dove Casapound stava tenendo un comizio. I manifestanti hanno risposto lanciando bottiglie e pezzi di bastone. Gli scontri sono duranti oltre mezzora. Il questore di Genova, Vincenzo Ciarambino, ha più tardi incontrato all’ospedale Galliera il giornalista di Repubblica, Stefano Origone, rimasto ferito in una carica della polizia. Origone ha due dita di una mano fratturate e varie ecchimosi a causa dei colpi subiti. Il questore ha chiesto scusa al giornalista. “Conosco Stefano da anni e sono voluto andare in ospedale per sincerarmi delle sue condizioni”.

Libia: aviazione dell’“esercito nazionale libico” del generale Khalifa Haftar bombarda edificio a Tripoli

L’aviazione dell’esercito nazionale libico (Lna) del generale Khalifa Haftar ha bombardato gli edifici del Rixos, hotel che ospita a Tripoli il parlamento dell’Est (Hor). Lo rende noto, l’emittente televisiva Libya Al Ahrar tv su Twitter, pubblicando anche le foto degli effetti del bombardamento. Anche The Libya Observer ne dà notizia. Nessuna vittima viene riportata al momento dai media locali. Recentemente un gruppo di una quarantina di deputati dell’Est era tornato a riunirsi a Tripoli, dopo un lungo auto-esilio a Tobruk.

Bielorussia: sepolti gli ebrei di Brest 77 anni dopo il massacro nazista

A Brest, in Bielorussia, sono stati sepolti ieri i resti di 1200 ebrei trucidati durante la seconda guerra mondiale. I loro cadaveri erano emersi dal suolo durante gli scavi per la costruzione di un palazzo vicino a quello che fu il ghetto e poi la loro fossa comune. Brest era stata occupata dai nazisti nel giugno del ’41. Nello stesso anno e nell’anno successivo centinaia di ebrei furono trucidati e deportati dalla cittadina. Ora a Brest c’è un movimento associativo che vorrebbe che al posto del palazzo, vicino alla fossa comune, sorgesse un memoriale e non più l’edificio residenziale che i costruttori sarebbero intenzionati a realizzare.

Ufo: il Pentagono americano prosegue le indagini sui velivoli volanti non identificati

Il Pentagono ha ammesso che sta tuttora indagando sugli Ufo. Lo rivela un portavoce del dipartimento della Difesa, il quale – sottolinea l’Ansa – ha parlato di un’iniziativa governativa segreta denominata Advanced Aerospace Threat Identification Program (Aatip), che “ha condotto ricerche e indagini su fenomeni aerei non identificati”. Il Pentagono finora aveva sempre detto di aver chiuso l’Aatip nel 2012, ma il portavoce Christopher Sherwood ha riconosciuto che il dipartimento sta ancora indagando sui presunti avvistamenti di astronavi aliene. “La Difesa è preoccupata di identificare tutti gli aeromobili nel nostro ambito operativo, nonché di identificare qualsiasi funzionalità straniera che p

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa