Notizie Sir del giorno: udienza, Austria, stime economia, vescovi Spagna del Sud, assemblea Usg, app “inParrocchia”

Papa Francesco: udienza, “speciale vicinanza e affetto a tutti i cattolici in Cina”. Santa Rita sia “esempio” per le donne di oggi

“Speciale vicinanza e affetto a tutti i cattolici in Cina, i quali, tra quotidiane fatiche e prove, continuano a credere, a sperare e ad amare”. Ad esprimerli è stato il Papa, nell’appello rivolto a conclusione dell’udienza di oggi. “Venerdì prossimo, 24 maggio, celebreremo la festa della Beata Vergine Maria ‘Aiuto dei cristiani’, particolarmente venerata in Cina al Santuario di ‘Nostra Signora di Sheshan’, presso Shanghai”, ha ricordato il Papa: “Tale felice occasione mi permette di esprimere speciale vicinanza e affetto a tutti i cattolici in Cina”. “Cari fedeli in Cina – ha concluso il Santo Padre – la nostra Mamma del Cielo vi aiuti tutti ad essere testimoni di carità e di fraternità, mantenendovi sempre uniti nella Comunione della Chiesa universale. Prego per voi e vi benedico”. Tra i 20mila fedeli presenti oggi in piazza San Pietro, anche una piccola delegazione di cattolici cinesi, alcuni dei quali provenienti proprio da Shanghai. Durante l’udienza, l’ultima del ciclo dedicate al Padre Nostro, Papa Francesco rivolgendo i saluti ai fedeli di lingua francese ha ricordato una suora “uccisa barbaramente” in Centrafrica, suor Ines Nieves Sanchez, di 77 anni, educatrice dei poveri, chiedendo ai presenti in piazza San Pietro di pregare per lei. E, ricordando l’odierna festività liturgica di santa Rita da Cascia, il Papa ha auspicato che “le donne di oggi, sul suo esempio, possano manifestare il medesimo entusiasmo di vita e, al contempo, essere capaci dello stesso amore che ella riservò a tutti incondizionatamente”. (clicca qui)

Austria: documento dei vescovi sulla crisi di governo. “Necessarie decisioni responsabili nell’interesse pubblico”

Con una dichiarazione ufficiale resa nota oggi dal card. Christoph Schönborn e dall’arcivescovo di Salisburgo Franz Lackner a nome della Conferenza episcopale austriaca (Öbk), la Chiesa cattolica in Austria fa appello a tutte le persone politicamente responsabili, nell’attuale crisi di governo, per mettere il bene comune e la fiducia nell’ordine democratico prima degli interessi a breve termine dei partiti. Il card. Schönborn, presidente della Öbk, e mons. Lackner, in qualità di vicepresidente, ringraziano e sostengono espressamente il presidente federale per i suoi sforzi per la stabilità e la necessaria fiducia nelle istituzioni. A tutti gli attori politici, i vescovi chiedono di mettere il bene comune al primo posto. La pubblicazione dei cosiddetti “Ibiza Video”, che hanno scatenato la crisi di Governo, ha dato luogo a un’immagine “inquietante della politica” in molte persone “in patria e all’estero” e la fiducia popolare nei rappresentanti politici eletti è stata messa a dura prova. “Il governo austriaco è in una crisi grave – è scritto nel documento firmato da Schönborn e Lackner – e ora sono necessarie decisioni responsabili nell’interesse pubblico per cambiare la situazione in meglio”. Da più parti è stata richiesta una moderazione nei giudizi e indagini accurate “per non rendere la crisi più grande di quanto non sia”. (clicca qui)

Economia: Istat, nel 2019 il Pil previsto in crescita dello 0,3%. Decelerazione dei ritmi produttivi inciderebbe sul mercato del lavoro, disoccupazione in aumento

Nel 2019 il prodotto interno lordo (Pil) è previsto crescere dello 0,3% in termini reali, in deciso rallentamento rispetto all’anno precedente. Lo comunica oggi l’Istat diffondendo i dati relativi alle “Prospettive per l’economia italiana” nel 2019. Nell’anno in corso, dunque il Pil è atteso decelerare rispetto all’anno precedente, “supportato – spiega l’Istat – esclusivamente dalla domanda interna”; “l’apporto della domanda estera netta e quello della variazione delle scorte – prosegue la nota – risulterebbero nulli”. Stando alle previsioni, nel 2019 la spesa delle famiglie e delle istituzioni sociali private al servizio delle famiglie (Isp) in termini reali è stimata crescere dello 0,5%, in lieve rallentamento rispetto all’anno precedente.
Dati negativi anche riguardo al processo di ricostituzione dello stock di capitale che rallenterebbe in misura significativa. La riduzione coinvolgerebbe sia gli investimenti in macchinari e attrezzature sia quelli in costruzioni. Nel complesso, gli investimenti fissi lordi sono previsti crescere dello 0,3%. “La decelerazione dei ritmi produttivi – prevede l’Istat – inciderebbe anche sul mercato del lavoro. Nel 2019 si prevede che l’occupazione rimanga sui livelli dell’anno precedente (+0,1%) mentre si registrerebbe un lieve aumento del tasso di disoccupazione (10,8%). Le retribuzioni lorde per unità di lavoro dipendente sono attese evolvere in linea con il deflatore della spesa delle famiglie residenti (+0,9%)”. (clicca qui)

Spagna: vescovi del Sud, “rafforzare i legami tra presuli delle due sponde del Mediterraneo”

Córdoba ha accolto, ieri e oggi, la CXLIII Assemblea dei vescovi del Sud della Spagna, che comprende le diocesi di Sevilla, Granada, Almería, Cádiz e Ceuta, Córdoba, Guadix, Huelva, Jaén, Asidonia-Jerez e Málaga. I vescovi hanno riflettuto ampiamente sulle migrazioni. L’Assemblea ha anche deciso di scrivere alla Conferenza episcopale regionale dei vescovi del Nord Africa (Cerna) “per rafforzare legami di comunione tra i vescovi delle due sponde del Mediterraneo”. Oggi l’Assemblea si è conclusa con un pellegrinaggio dei vescovi a Montilla, per celebrare l’Eucaristia alla presenza delle reliquie di San Juan de Ávila, nella basilica a lui dedicata, in occasione dell’Anno giubilare in corso nelle diocesi di Córdoba e di Jaén. (clicca qui)

Ambiente: don Kureethadam (Santa Sede), “le prime vittime della crisi ecologica sono i poveri”

“Le prime vittime della crisi ecologica sono i poveri, cioè coloro che hanno contribuito di meno a causare la crisi”. Lo ha ricordato don Joshtrom Isaac Kureethadam, coordinatore del settore di “Ecologia e Creato” del Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale, per il quale la crisi ecologica “è una crisi profondamente spirituale e religiosa”. Non a caso, la “Laudato Si’” di Papa Francesco è “di fatto un’enciclica sociale piuttosto che sui cambiamenti climatici”, ha affermato don Kureethadam evidenziando che “la parola ‘clima’ è menzionata solo 14 volte nel testo, mentre il termine ‘poveri’ 59 volte”. Nella sua relazione alla 92ª Assemblea dell’Unione superiori generali (Usg) che si è aperta oggi ad Ariccia, il rappresentante del dicastero vaticano ha ricordato che “Papa Francesco invita le Chiese, le religioni e tutte le persone di buona volontà, a prendersi cura della nostra fragile casa comune, prima che sia troppo tardi”. La terra, ha osservato il sacerdote salesiano, “è la tavola comune del genere umano posta da Dio per tutti: intorno a quel tavolo ci riuniamo, in uno spirito di convivialità, non in una corsa agonistica, ma in una gioiosa comunione, nutrendoci e riparandoci a vicenda”. In Laudato Si’, ha spiegato don Kureethadam, “il Papa offre una sintesi magistrale delle molteplici manifestazioni della crisi ecologica contemporanea, la crisi della nostra stessa casa: inquinamento e rifiuti, cambiamenti climatici, esaurimento delle risorse naturali, in particolare l’acqua, e perdita di biodiversità”. (clicca qui)

Nuove tecnologie: nasce “inParrocchia”, prima app per smartphone dedicata alle parrocchie italiane

È disponibile inParrocchia, la prima app per smartphone dedicata alle parrocchie italiane e realizzata da Fondazione Terra Santa con il partner tecnologico Touchware. L’idea è semplice: utilizzare lo smartphone come strumento innovativo al servizio dei parroci e delle comunità parrocchiali, canale di comunicazione creato su misura per le esigenze della parrocchia. La nuovissima app è da oggi disponibile su Google Play e su Apple Store in download gratuito per tutti gli utenti. Quando il parroco di una singola parrocchia avrà aderito al servizio attraverso il nuovo sito inparrocchia.com, sarà possibile caricare e rendere visibili a tutti i fedeli che avranno scaricato la app i contenuti specifici di quella parrocchia, attraverso l’accesso ad una piattaforma editoriale on line dedicata. I parrocchiani potranno accedere attraverso il proprio smartphone a messaggi, avvisi, bollettini parrocchiali, eventi, documenti e immagini, orari e calendario, chat dedicate, gruppi e molto altro. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia