Carceri: Antigone, 60mila detenuti. Sovraffollamento al 120% e in costante crescita

Il sovraffollamento del sistema penitenziario italiano continua a crescere. Al 30 aprile 2019 erano 60.439 i detenuti, di cui 2.659 donne (il 4,4% del totale). Le presenze in carcere sono cresciute di 800 unità rispetto al 31 dicembre 2018 e di quasi 3.000 rispetto all’inizio dello scorso anno. Ma soprattutto ci sono oggi ben 8.000 detenuti in più rispetto a tre anni e mezzo fa. Lo rivela il XV Rapporto sulle condizioni di detenzione, intitolato provocatoriamente “Il carcere secondo la Costituzione”, che l’associazione Antigone ha presentato oggi a Roma. “Con questo trend – si legge nel report – nel giro di due anni si tornerà ai numeri della condanna europea”. Il tasso di affollamento sfiora attualmente il 120% e, dalle rilevazione effettuata dall’Osservatorio di Antigone durante il 2018 (85 carceri visitate), è risultato che nel 18,8% dei casi vi sono celle che non rispettano il parametro dei 3 mq per detenuto, soglia considerata dalla Corte di Strasburgo minima e al di sotto della quale estremo è il rischio di trattamento inumano o degradante. Il tasso di affollamento può essere considerato tuttavia più elevato se si tiene conto che in ben 37 istituti, tra quelli visitati dall’associazione, ci sono spazi non in uso per ristrutturazione o inagibilità. Non sempre i dati ufficiali sui posti disponibili tengono conto di ciò. Il caso più celebre è quello di Camerino, vuoto dal terremoto dell’ottobre del 2016, la cui capienza è ancora conteggiata nei posti disponibili del sistema penitenziario nazionale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo