Via Crucis: quattordicesima stazione, “il deserto e i mari sono i nuovi cimiteri”. “Mentre i governi discutono” il mare si trasforma in “tomba d’acqua”

“Il deserto e i mari sono diventati i nuovi cimiteri di oggi”. È l’amara constatazione dell’ultima stazione della Via Crucis, la quattordicesima. “Di fronte a queste morti non ci sono risposte”, scrive suor Bonetti: “Ci sono, però, responsabilità. Fratelli che lasciano morire altri fratelli. Uomini, donne, bambini che non abbiamo potuto o voluto salvare. Mentre i governi discutono, chiusi nei palazzi del potere, il Sahara si riempie di scheletri di persone che non hanno resistito alla fatica, alla fame, alla sete. Quanto dolore costano i nuovi esodi! Quanta crudeltà si accanisce su chi fugge: i viaggi della disperazione, i ricatti e le torture, il mare trasformato in tomba d’acqua”. Alla fine della Via Crucis, la storia della piccola Favour, di 9 mesi, partita dalla Nigeria insieme ai suoi giovani genitori in cerca di un futuro migliore in Europa: “Durante il lungo e pericoloso viaggio nel Mediterraneo, mamma e papà sono morti insieme ad altre centinaia di persone che si erano affidate a trafficanti senza scrupoli per poter giungere nella ‘terra promessa’. Solo Favour è sopravvissuta: anche lei, come Mosè, è stata salvata dalle acque. La sua vita diventi luce di speranza nel cammino verso un’umanità più fraterna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa