Parlamento Ue: rafforzamento della Guardia di frontiera e costiera europea. In arrivo 10mila agenti. Ultima plenaria a Strasburgo

(Strasburgo) Diecimila agenti per sicurezza e migrazione: è quanto prevede di realizzare l’Unione europea con nuove misure intese a rafforzare la Guardia di frontiera e costiera europea. Il provvedimento, che arriva all’Europarlamento in prima lettura mediante procedura legislativa ordinaria, sarà discusso e votato in via definitiva mercoledì 17 aprile a Strasburgo. Si tratta di uno dei punti forti dell’ultima plenaria dell’Euroassemblea prima di essere sciolta in vista delle elezioni di maggio. Le modifiche all’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) “mirano a risolvere le attuali carenze per reagire più efficacemente alle esigenze in materia di sicurezza e migrazione”, spiega una nota del Parlamento Ue. “Sarà istituito un nuovo corpo permanente per sostenere sul campo i Paesi Ue nel controllo delle frontiere e nei rimpatri, oltre che nella lotta alla criminalità transfrontaliera”. Il corpo permanente sarà formato inizialmente da 5.000 unità nel 2021 per poi diventare pienamente operativo con 10.000 unità nel 2027. Dovrebbe inoltre includere un pool di intervento rapido per le emergenze. La plenaria, che si apre oggi alle 17, proseguirà fino a giovedì 18 aprile. In agenda numerosi dossier da chiudere entro questa ultima settimana di lavori a Strasburgo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa