Famiglia: mons. Nosiglia (Torino), “manca la volontà concreta di una politica che la metta al centro”

“Dobbiamo farci carico delle famiglie reali e concrete che in questo momento soffrono situazioni di grave disagio” Lo ha detto l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, nel suo intervento stamani alla 30esima Giornata della Caritas diocesana, in corso al teatro grande di Valdocco. “Manca la volontà concreta di una politica che metta la famiglia al centro e non come al solito dia le briciole per la sua promozione e sostegno”, ha ammonito il presule. L’arcivescovo ha segnalato, inoltre, che “parliamo di accoglienza delle famiglie, ma dal punto di vista politico si tratta di slogan vuoti di contenuto reale”, “belle parole a cui non seguono scelte concrete conseguenti che affrontino le diverse criticità di cui soffre oggi la famiglia”. Dalle parole di mons. Nosiglia emerge il binomio “giustizia e carità”. “Non si può dare per carità ciò che è dovuto per giustizia”. A suo avviso, occorre che “perseguiamo insieme il triplice fine di: prevenire le povertà andando alle sue radici e operando su di esse; accompagnare ogni persona e famiglia in un percorso di autonomia gestionale della propria vita e del proprio futuro; integrare i poveri con pari diritti e doveri nella società, perché se ne sentano responsabili e attivi protagonisti non solo debitori di altri”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori