Azzardo: Del Core (Auxilium), “educazione importante perché il gioco non crei ulteriori danni”

“La proliferazione dell’offerta di gioco d’azzardo è un’emergenza educativa di questi anni”: lo sostiene suor Pina Del Core, preside della Pontificia Facoltà di Scienze dell’educazione Auxilium, aprendo questa mattina all’interno dell’ateneo romano un convegno dal titolo “Con l’azzardo non si gioca”. E aggiunge: “Siamo di fronte a una sfida, che ha assunto i connotati di una società che ruota intorno alla necessità di ampliare le emozioni attraverso i consumi e in cui il valore centrale è il denaro e l’allodola del guadagno facile”. Il tema delle dipendenze è al centro dell’impegno della Facoltà Auxilium: “Noi che formiamo educatori, psicologi dell’educazione, persone che lavorano per la pastorale giovanile, sentiamo la necessità di ampliare le ricerche sull’argomento” prosegue la preside dell’Auxilium, evidenziando come l’opportunità dell’evento odierno nasca dalla collaborazione con l’associazione Casa Famiglia Rosetta di Caltanissetta, fondata da don Vincenzo Sorce, scomparso poche settimane fa. “In Italia si moltiplicano i tentativi di contrastare l’azzardo, però riteniamo necessario approfondire studi, servizi e pratiche di intervento che considerino molteplici fattori, a partire dal contesto ambientale e strutturale. È inoltre necessaria un’informazione qualificata, insieme a interventi di prevenzione e cura che partano da scuole e università. E conclude: “I problemi sono anche politici. Però a livello pedagogico possiamo ‘giocare’ un ruolo perché il gioco dell’azzardo non crei ulteriori danni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori