Lavoro: Cnel, approvate due proposte di legge sull’istituzione di un codice unico dei contratti collettivi e di un Comitato nazionale produttività

L’assemblea del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel), riunita a Villa Lubin alla presenza del presidente Tiziano Treu e del segretario generale Paolo Peluffo, ha approvato i testi di due proposte di legge riguardanti l’istituzione del codice unico dei contratti collettivi nazionali di lavoro per razionalizzare l’attività di archiviazione alla luce della cooperazione amministrativa in essere con l’Inps e l’istituzione del Comitato nazionale indipendente per la produttività (in attuazione della Raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 20 settembre 2016).
“La prima delle proposte approvate dal Consiglio – spiega Treu – si inserisce nel quadro delle attività che da mesi stiamo svolgendo insieme all’Inps e potrebbe essere di grande aiuto per far chiarezza sulla contrattazione e sostenere il contrasto ai contratti pirata”. “Anche la seconda proposta è di particolare rilievo”, sottolinea il presidente del Cnel, secondo cui “l’istituzione di un board nazionale sulla produttività, oltre a dare attuazione a una raccomandazione europea su cui l’Italia è da tempo inadempiente, sarebbe un fatto di particolare rilievo per la competitività del nostro Paese”. “Ci attiveremo sin da subito – assicura – accompagnando la proposta di legge con l’avvio di un’interlocuzione per una comune riflessione con gli altri soggetti istituzionali competenti sulla materia”.
Nel corso dell’Assemblea, inoltre, sono stati approvati il parere sul disegno di legge relativo a reddito di cittadinanza e pensioni, le osservazioni e proposte su divario retributivo di genere.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori