El Salvador: celebrata la prima festa di san Óscar Romero. L’Onu istituisce per il 24 marzo la Giornata internazionale del diritto alla verità

Una messa nella cappella dove san Óscar Romero fu assassinato, celebrata dall’arcivescovo di San Salvador, mons. José Luis Escobar Alas; e una peregrinazione a tappe nella capitale dell’El Salvador alla sera. Così l’arcidiocesi di San Salvador ha celebrato sabato, alla vigilia della prima festa di san Óscar Romero, il suo arcivescovo martire, canonizzato lo scorso 14 ottobre.
La “Peregrinazione della Luce”, lunga dieci chilometri, ha toccato vari punti della città, con “stazioni” dedicate ad alcune dimensioni spirituali della vita di mons. Romero, come il martirio e l’eucaristia. La peregrinazione è stata presieduta dal cardinale Gregorio Rosa Chávez, vescovo ausiliare di San Salvador, in gioventù segretario di mons. Romero. Il porporato ha sottolineato la presenza di numerosi giovani alla peregrinazione: “Si tratta di un segno di speranza, perché la testimonianza di san Romero perduri nel tempo e faccia cambiare le cose”.
Intanto le Nazioni Unite hanno stabilito che il 24 marzo sarà la Giornata internazionale del diritto alla verità in relazione alle gravi violazioni a diritti umani e alla dignità delle vittime. Un omaggio esplicito alla figura di mons. Óscar Romero.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia