Caritas: Mattarella, “la carità è cultura che non divide e rispetta le differenze”

(da Scanzano Jonico) “La carità è cultura che non divide, che rispetta le differenze, che ha riguardo per l’ambiente e promuove il bene comune. La carità conferisce concretezza all’ideale umanistico e consente di tenere sempre vivo quel proposito di sviluppo”. Sono le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel telegramma inviato ai partecipanti al 41° convegno nazionale delle Caritas diocesane, che si apre oggi e fino al 28 marzo a Scanzano Jonico (Matera). Mattarella ricorda che “il lavoro di costruzione e di continuo rafforzamento, della rete di solidarietà umana che sostiene la nostra comunità civile è un’opera quanto mai preziosa, che la Caritas svolge fin dalla sua fondazione”. Il tema del convegno “Carità è cultura” è “un bel titolo”, scrive il Presidente, perché la dimensione della carità “è capace di caratterizzare la vita sociale, le relazioni umane, il senso stesso di comunità”: “E’ capace di incidere sulle ingiustizie, le povertà, le disuguaglianze, interagendo con le speranze e le preoccupazioni delle persone non meno di quanto non facciano i veloci mutamenti indotti dai nostri tempi”. I progetti di formazione che la Caritas rivolge ai giovani, prosegue Mattarella, “sono il patrimonio più importante di cui una comunità dispone” e a loro “va rivolta una cura particolarmente intensa, affinché possano davvero esprimere tutta la creatività e le potenzialità di cui sono capaci”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia