Nigeria: Acs, da febbraio nello Stato di Kaduna oltre 130 morti e 10mila sfollati a causa dei pastori fulani

(Foto: Acs)

“Alle violenze di Boko Haram si sono unite quelle dei pastori islamisti fulani. Se in Iraq e in Siria Isis ha perso terreno, la Nigeria è oggi lo Stato che registra la maggiore attività terroristica a livello globale. Il nostro Paese rappresenta la “speranza” futura del fondamentalismo islamico”. Lo ha dichiarato ieri don Joseph Bature Fidelis, sacerdote della diocesi di Maiduguri, parlando in un incontro organizzato da Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs) con alcuni membri delle rappresentanze diplomatiche europee presso la Santa Sede.
I rapporti che giungono in questi giorni dal Paese africano ad Acs sono drammatici. Dall’inizio di febbraio nel solo Stato di Kaduna, oltre 130 persone – in prevalenza di etnia adara – sarebbero state uccise da pastori islamisti di etnia fulani. Un’ondata di violenze che ha provocato altresì 10mila sfollati e la distruzione di circa 150 abitazioni. “Questi ultimi attacchi hanno ridotto diverse comunità in macerie e portato la crisi umanitaria a livelli gravissimi – ha scritto ad Acs, padre Williams Kaura Abba, sacerdote della diocesi di Kaduna -. L’attuale ondata di uccisioni è iniziata domenica 10 febbraio 2019 quando i pastori fulani hanno ucciso 10 cristiani, tra cui una donna incinta a Ungwar Barde nel distretto di Maro a Kajuru”.
Il sacerdote ha riferito alla Fondazione la drammatica situazione all’ospedale di Kajuru, parlando in particolare di un bambino di 5 anni gravemente ferito. “Hanno provato prima ad ucciderlo con le pistole e poi con il machete, ma Dio lo ha protetto”. Non contenti i pastori fulani lo hanno colpito violentemente alla spina dorsale con dei bastoni. Ora è paralizzato. “Questo povero bambino ha anche perso una delle sorelle durante l’attacco, mentre sua madre sta lottando per sopravvivere in un altro ospedale”.
“Né il governatore di Kaduna, né alcun rappresentante del Governo federale si è degnato di far visita alle vittime o di consolare i loro cari. Sono soltanto le comunità cristiane a prendersi cura delle medicine e delle cure per i feriti”, ha denunciato il sacerdote.
Il 19 marzo nella capitale Abuja è stata organizzata una pacifica marcia di protesta. In quell’occasione padre Kaura Abba ha lanciato un appello alla comunità internazionale, ribadito ora ad Acs: “Vi chiediamo di far pressione sul governo nigeriano affinché venga in aiuto del nostro popolo. Non possiamo rimanere in silenzio di fronte a questa carneficina umana. Se vogliamo salvare quel che resta della nostra umanità gli organi competenti del governo devono adempiere ai loro obblighi senza timore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo