Brexit: Londra, domani la marcia promossa da “People’s vote” per un secondo referendum

(Londra) Sarà una grande marcia che unirà “leavers”, chi vuole lasciare l’Unione Europea, e “remainers”, chi vuole restare nella Ue. Domani, sabato 23 marzo, a mezzogiorno, centinaia di migliaia di persone si riuniranno a Park Lane, lato orientale di Hyde Park, per marciare per un’ora e mezza fino alla piazza del parlamento di Westminster. La manifestazione continuerà fino alle 16 fuori dalla Camera dei Comuni. Gli organizzatori, il gruppo “People’s vote”, responsabile di un’iniziativa analoga lo scorso ottobre, chiedono un secondo referendum sull’accordo finale concordato dalla premier Theresa May con l’Unione europea. L’iniziativa sotto l’ashtag “Put it to the people”, “Rimettetela alle persone comuni”, è già sui social network. A pochi giorni dal terzo voto dei deputati sul “withdrawal agreement” anche i cittadini comuni si mobilitano. Una petizione sul sito del parlamento per chiedere che la premier Theresa May fermi il processo del Brexit, revocando l’articolo 50 del Trattato sull’Unione europea, ha superato i due milioni di firme. La petizione porterà a un dibattito in parlamento e riproporrà all’attenzione pubblica il diritto del Regno Unito di fermare, in modo unilaterale, il processo di Brexit. Lo scorso dicembre, infatti, la Corte di giustizia dell’Unione europea ha affermato il diritto del Regno Unito di revocare, in modo unilaterale, l’articolo 50 anche se la premier Theresa May ha detto che non intende percorrere questa strada.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo