Ospedale Bambino Gesù: Enoc (presidente), “anche oggi scienza, competenza, ricerca. Non c’è futuro senza ricerca”. Auditorium sarà intitolato a Valerio Nobili

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Il futuro del Bambino Gesù – afferma la presidente Mariella Enoc, intervenendo all’incontro odierno che nell’auditorium di San Paolo fuori le Mura ha dato il via alle celebrazioni per il 150° di fondazione (19 marzo 1869) – è contenuto nella memoria viva delle nostre radici. Il Bambino Gesù è nato da un’idea alta di carità a cui si è mantenuta fedele in 150 anni e, ora come allora, la forma più alta di carità è la scienza, la competenza dell’assistenza, la ricerca senza soste”. La presidente apre il suo intervento ricordando il professor Valerio Nobili, scomparso prematuramente venerdì scorso: “Grande medico, scienziato e docente” alla cui memoria, annuncia, verrà dedicato l’auditorium che si chiamerà “Auditorium Valerio Nobili”. Enoc ricorda che da 150 anni l’ospedale è al servizio dei bambini e adolescenti della città, del Paese e oggi del mondo intero con le sue missioni internazionali in 10 Paesi. Dopo avere richiamato alcuni “numeri”, la presidente afferma: “Non c’è cura senza ricerca, non c’è futuro sena ricerca” mentre “l’azione di cura è sempre un lavoro collettivo, il lavoro di una comunità che cura e si prende cura”. “Il futuro dei nostri bambini – conclude – ha bisogno dell’impegno di tutti noi”. “Questo straordinario gioiello di valori umani e scientifici possa proseguire con sempre maggiore impegno e dedizione a prevenire, a sanare, a confortare e dare vita buona e piena a tutti i piccoli e le loro famiglie che bussano alle nostre porte”, l’augurio della duchessa Maria Grazia Salviati, erede della famiglia fondatrice e consigliera d’amministrazione dell’ospedale.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo