Disabilità: Comunità di Sant’Egidio, “a 20 anni da legge su diritto a lavoro, ancora ostacoli nell’attuazione”

(Foto: Comunità di Sant'Egidio)

Sono trascorsi 20 anni dall’approvazione della legge 68/1999 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”, grazie alla quale “il nostro Paese si dotava di uno strumento normativo volto a superare una visione esclusivamente assistenziale delle persone con disabilità e a porre le basi per una loro piena inclusione sociale”, ricorda oggi, in una nota, la Comunità di Sant’Egidio. Oltre a fissare per i datori di lavoro, pubblici e privati, quote di assunzioni di lavoratori disabili e stabilire agevolazioni fiscali e contributive per le aziende virtuose, la legge 68/1999 prevedeva una serie di servizi di sostegno e di collocamento mirato per facilitarne l’attuazione.
“A vent’anni di distanza permangono non pochi ostacoli per la sua piena attuazione – denuncia la Comunità di Sant’Egidio -: il tasso di occupazione delle persone con disabilità è sempre rimasto di gran lunga inferiore rispetto allo standard dei lavoratori senza disabilità. Inoltre, una delle principali riforme introdotte da quella legge, la formazione professionale, non si è rilevata strumento adeguato: in numerosi casi, infatti, corsi, tirocini e stage, spesso, non hanno portato a uno sbocco lavorativo, avendo avuto il solo effetto di un avvicinamento al mondo del lavoro”.
In questo panorama, ricordando che la legge 68/1999 è “una vera e propria conquista di civiltà e rappresenta una legislazione avanzata a livello europeo”, l’esperienza della Comunità di Sant’Egidio dimostra che è possibile realizzarla in modo compiuto: è il caso della “Trattoria degli Amici”, “un ristorante nel cuore di Trastevere, che offre impiego stabile a 12 lavoratori con disabilità e, nel corso di 20 anni di attività, ha formato decine di professionisti della ristorazione (camerieri, aiuto-cuochi, sommelier) ora impiegati in diversi locali della Capitale e sostenuto, con la sua esperienza, iniziative analoghe in diverse città d’Italia”. “Un’iniziativa che dimostra come sia possibile valorizzare le persone con disabilità nelle loro capacità, anche professionali, in modo che possano contribuire con il proprio lavoro al benessere comune e creare una società davvero inclusiva”, conclude la Comunità di Sant’Egidio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa