Caritas America Latina: messaggio con impegni per la difesa della vita, del creato e della buona politica

“Difendere e promuovere il primato della persona umana e il rispetto dei diritti umani nel nostro agire pastorale”; “custodire la Casa Comune e difendere la vita in tutte le sue forme e in tutte le sue tappe, a partire da un impegno di Ecologia integrale”: “lavorare per una democrazia orientata ai valori umani, capace di suscitare discernimento, partecipazione”. Sono i primi impegni assunti dalle Caritas dell’America Latina e del Caribe, nel messaggio finale diffuso al termine del XIX Congresso che si è tenuto a Valle de Ángeles, in Honduras. Le Caritas si impegnano anche a lottare contro “il flagello della corruzione, che compromette la governabilità dei nostri popoli” e “a lavorare per il bene comune dei nostri popoli, specialmente in quei Paesi dove si vive una fase di ingovernabilità”; a “promuovere e ad accompagnare iniziative di pace e attenzione alle vittime dei conflitti”; a “propiziare un’economia dal volto umano, nella quale ha il primato la dignità della persona, nell’ambito più ampio della cura dei beni della Casa Comune”; a essere “una Chiesa samaritana, per dare risposta al fenomeno migratorio”. Infine, c’è l’impegno a rafforzare la Pastorale sociale e la Caritas in America Latina. Infine, non manca un ringraziamento alle Caritas sorelle, in particolare e quelle europee, mentre viene espressa una particolare solidarietà “ai popoli fratelli di Venezuela e Nicaragua, attraverso la preghiera e l’appoggio ai processi di fede che in questo momento illuminano il loro cammino nella storia, nella certezza che presto otterranno i frutti anelati nel rispetto della dignità di ciascuno dei suoi figli e nella piena osservanza dei diritti umani”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa