Latte: Coldiretti, “ora che si è dimesso il presidente del Consorzio, gli industriali garantiscano un prezzo iniziale adeguato ai costi di produzione”

“Ora che si è dimesso il presidente del Consorzio, gli industriali colgano la nuova offerta dei pastori per garantire un prezzo del latte iniziale adeguato ai costi di produzione con una clausola che assicuri di raggiungere l’obiettivo di un euro in tempi certi”. È quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla controproposta dei pastori per il prezzo del latte. “Serve un atto di responsabilità degli industriali che – sottolinea Coldiretti – sono i diretti beneficiari delle consistenti misure di sostegno per 49 milioni di euro messe in campo da Governo e Regione, senza dimenticare le aperture delle catene distributive che si sono impegnate a riconoscere ai fornitori un valore, all’acquisto del pecorino, in grado di assicurare agli allevatori il prezzo di 1 euro al litro ed anche a realizzare campagne promozionali”. Secondo Coldiretti, “sono positive le dimissioni del presidente del Consorzio di Tutela Salvatore Palitta annunciate su Facebook poiché è evidente il fallimento dell’attuale gestione del Consorzio del Pecorino che va quindi completamente ripensato con l’ingresso nell’amministrazione dei pastori ai quali vanno assegnate le quote di produzione”. “Importante – sostiene Coldiretti – la nomina di un prefetto per verificare eventuali errori e violazioni ma anche per controllare la legalità delle operazioni di ritiro del pecorino da destinare agli indigenti con le risorse pubbliche”. “In gioco – conclude Coldiretti – ci sono 12mila allevamenti della Sardegna dove pascolano 2,6 milioni di pecore, il 40% di quelle allevate in Italia, che producono quasi 3 milioni di quintali di latte destinato per il 60% alla produzione di pecorino romano (Dop). In gioco c’è il futuro di migliaia di famiglie, di un settore economico strategico per il Made in Italy e per l’intera Sardegna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo