This content is available in English

Papa Francesco: a comunità Seminario Flaminio, “contro la scristianizzazione sacerdoti con fede robusta come roccia”

“Voi siete chiamati ad essere evangelizzatori nella vostra Regione, segnata anch’essa dalla scristianizzazione. Quanti sono più esposti al vento freddo dell’incertezza o dell’indifferenza religiosa, hanno bisogno di trovare nella persona del sacerdote quella fede robusta che è come una fiaccola nella notte e come una roccia alla quale attaccarsi”. Lo ha detto Papa Francesco nel suo discorso rivolto alla comunità del Pontificio Seminario Regionale Flaminio Benedetto XV di Bologna, ricevuta stamani in udienza, in occasione del centenario di fondazione. Il Pontefice ha indicato tre aspetti che identificano il Seminario in quanto “luogo e soprattutto tempo di formazione e di preparazione al sacerdozio”. Francesco lo ha indicato come “casa di preghiera, casa di studio, casa di comunione”. “Il Seminario è prima di tutto la casa della preghiera dove il Signore convoca ancora i ‘suoi’ in ‘un luogo appartato’ a vivere un’esperienza forte di incontro e di ascolto”, ha affermato il Papa, che ha reputato “necessario dedicare adeguato impegno alla formazione spirituale” e all’“incontro con Gesù nel volto e nella carne dei poveri”. Poi, l’attenzione allo studio, “parte di un itinerario mirato all’educazione di una fede viva e consapevole, chiamata a diventare la fede del pastore”. Francesco lo ha considerato “strumento privilegiato di una conoscenza sapienziale e scientifica”. “Condividere le lezioni e lo studio con i compagni di Seminario è anch’esso un modo di entrare a far parte di un presbiterio”, ha evidenziato. Infine, il Seminario come “casa di comunione”, perché “la carità pastorale del prete non può essere credibile se non è preceduta e accompagnata dalla fraternità, prima tra seminaristi e poi tra presbiteri”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia