Imprese: Istat, nel 2019 quattro su dieci utilizzano una connessione fissa veloce ma solo il 13,8% naviga a 100 Mbps

Nel 2019 continua ad aumentare la quota di imprese con almeno 10 addetti che accede a Internet utilizzando connessioni veloci: 41% quelle ad almeno 30 Mbps (13,5% nel 2015), 13,8% quelle ad almeno 100 Mbps (6,2%). È quanto emerge dal report “Imprese e ICT” diffuso oggi dall’Istat e relativo all’anno 2019.
Nel 2019, spiega l’Istat, il 94,5% delle imprese con almeno 10 addetti utilizza connessioni in banda larga fissa o mobile. Aumenta la quota di imprese che fornisce dispositivi portatili (ad es. computer portatili, smartphone, tablet, iPad) che permettono una connessione mobile a Internet per scopi aziendali/lavorativi (62,4%, 60,5% nel 2018). Nel complesso, il 49,9% di addetti utilizza un computer connesso a Internet per svolgere il proprio lavoro (47,6% nel 2018). L’intensità di utilizzo della connessione mobile riguarda il 25,0% degli occupati nelle imprese con almeno 10 addetti (22,8% nel 2018).
Stando ai dati diffusi, soltanto il 16% delle imprese con almeno 10 addetti impiega esperti ICT al suo interno, quota che rimane invariata nell’ultimo triennio mentre aumenta di poco quella delle imprese con almeno 250 addetti che hanno dichiarato di avere specialisti informatici tra il personale interno (73,1%, 71,8% nel 2018).
Dal report emerge poi che una impresa su tre (34,4%) ha adottato un documento sulla gestione della sicurezza ICT. L’incidenza dei comportamenti delle imprese di minore dimensione e meno complesse, determina la diffusione di misure di sicurezza meno sofisticate come l’aggiornamento del software (89,5%), l’autenticazione con password (82,2%) e il back-up dei dati (79,2%).
In aumento le imprese che vendono via web attraverso canali propri: nel 75,8% dei casi dichiarano di averlo fatto tramite siti web o app dell’impresa (74,1% nel 2018), mentre nel 60,7% dei casi attraverso emarketplace o app di intermediari utilizzati da molteplici imprese (64,1% nel 2018).
Il report sottolinea come ci sia “una forte correlazione positiva tra l’adozione delle tecnologie e la produttività del lavoro misurata in termini di valore aggiunto per addetto, soprattutto nelle imprese manifatturiere e dell’energia e in particolare per quelle che si trovano già in una posizione di elevata produttività rispetto alle altre. Per il costo del lavoro per dipendente, all’aumentare del livello di utilizzo della rete si riscontra un aumento, in media, dei valori dell’indicatore tranne che nel settore delle costruzioni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia