Argentina: la Cepas riceve le organizzazioni sindacali ed economiche. “Serve un nuovo patto sociale”

La Commissione episcopale per la pastorale sociale (Cepas) della Conferenza episcopale argentina (Cea) ha ricevuto mercoledì scorso i rappresentanti del “Tavolo per il lavoro e la vita dignitosa”, formato da organizzazioni sindacali, sociali e imprenditoriali, che si è riunito per approfondire i possibili contenuti di un patto sociale che abbia come riferimento i più poveri.
I rappresentanti del Tavolo sono stati ricevuti nella sede della Cea dal presidente della Cepas, mons. Jorge Lugones, vescovo di Lomas de Zamora, e da mons. Fernando Maletti, vescovo di Merlo-Moreno e membro della commissione.
I partecipanti hanno sottolineato la validità dell’appello lanciato dalla Pastorale sociale per il dialogo e l’incontro, nonché la validità del documento presentato dalla Cea un anno fa e il compito svolto dalla Chiesa, che ha sviluppato risposte congiunte per far fronte con urgenza all’emergenza sociale e alimentare.
Hanno, inoltre, sottolineato la necessità di elaborare un patto sociale che favorisca la realizzazione di politiche pubbliche e misure legislative per risolvere la grave situazione sociale.
Tale obiettivo, hanno manifestato i rappresentanti delle organizzazioni presenti, deve partire dalla volontà di cambiare l’attuale visione economica, per dare invece rilievo alla centralità del lavoro, della produzione e della cura del creato.
Tutti hanno convenuto che il lavoro della Pastorale sociale è stato fondamentale per favorire questo spazio di incontro, dialogo e proposte, che ha rappresentato anche l’unica risposta istituzionale a un’enorme crisi economica e sociale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy