Sir: le principali notizie dall’Italia e dal mondo. Guerre commerciali, Usa contro Francia e Italia. Tensione a Malta, Parlamento assediato. Calcio, Pallone d’oro a Messi

Guerre commerciali: digital tax, monito Usa a Francia e Italia

Donald Trump, alla vigilia del vertice Nato, minaccia di mettere dazi sul 100% delle importazioni dalla Francia, pari a 2,4 miliardi di dollari, come rappresaglia per la digital tax sui big Usa del web, da Google a Facebook, passando per Amazon. Lo rende noto la Casa Bianca, che mette in guardia anche altri Paesi come l’Italia, l’Austria e la Turchia. Il rappresentante Usa al commercio, Robert Lighthizer, capo negoziatore in tutte le trattative commerciali, ha presentato i risultati di cinque mesi di indagini le cui conclusioni parlando di chiara discriminazione verso le societa’ americane del settore digitale se saranno colpite dalla tassa messa a punto a Parigi e allo studio anche in altri Paesi come l’Italia.

Il premier Conte riferisce sul Mes: “Opposizione spregiudicata, nessuna firma”

“Sono qui per l’informativa sulle modifiche al Mes non solo perché doverosa dopo la richiesta ma anche perché ho sempre cercato di assicurare una interlocuzione chiara e trasparente con Il Parlamento”. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in Aula alla Camera per le comunicazioni sul Mes che attacca l’atteggio dell’opposizione sulla vicenda. L’informativa è anche a Palazzo Madama. “Chi è all’opposizione – attacca Conte – sta dando prova di scarsa cultura delle regole e mancanza di rispetto per le istituzioni “. È stato anche detto che il Mes sarebbe stato già firmato, e per giunta di notte. Anche chi è all’opposizione ha compiti di responsabilità”.

Tensione a Malta: in migliaia contro il premier Muscat

Tensione alle stelle a Malta: l’annuncio del premier Joseph Muscat che ha fatto sapere che lascerà, ma solo a gennaio, non è bastato a calmare la piazza. Che è tornata in massa a protestare chiedendo le dimissioni immediate del primo ministro, assediando il parlamento della Valletta e bloccando i parlamentari al suo interno. Muscat è visto da gran parte dei maltesi come il simbolo dello scandalo scoperchiato dalle indagini sull’omicidio di Daphne Caruana Galizia, anche se un’altra parte del Paese – riunita stasera davanti alla sede del suo partito laburista per manifestargli sostegno – lo considera l’autore del boom economico dell’isola. Al termine di un’altra giornata di rabbia Muscat è uscito dal quartier generale del Partito Laburista per salutare la folla di migliaia di sostenitori. La polizia ha eretto barriere di protezione attorno alla sede del partito nazionalista, a pochi metri da quella laburista.

Calcio: Pallone d’oro a Messi per la sesta volta, nessuno come lui

Lionel Messi si è aggiudicato per la sesta volta il Pallone d’Oro. E’ il primo giocatore della storia a vincere 6 volte il trofeo. “Ricordo qualche anno fa, quando venni qui a Parigi a ritirare il mio primo Pallone d’oro. Avevo 22 anni e tutto questo era impensabile. Ma non bisogna mai smettere di sognare”: lo ha detto Messi, ricevendo dalle mani di Didier Drogba il suo 6º Pallone d’Oro, un record assoluto mai raggiunto da nessun calciatore.

Tweet pro-Hitler: professore si difende ma l’Ateneo prepara l’esposto in Procura

Il rettore dell’Università di Siena Francesco Frati chiederà alla commissione disciplinare la sanzione della destituzione per Emanuele Castrucci, docente di filosofia del diritto, autore di alcuni tweet sul suo profilo in favore di Hitler. È quanto emerso al termine della seduta odierna del Senato accademico che “unanime, ha condiviso la proposta del Rettore in ordine alle azioni da intraprendere”. I legali dell’Ateneo hanno anche presentato denuncia alla Procura.  Il professore si difende facendo appello alla “libertà di pensiero” e spiegando che le considerazioni scritte su twitter sono “opinioni del tutto personali”, espresse “fuori dall’attività di insegnamento”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo