Natale: mons. Savino (Cassano all’Jonio), “è necessario che rinasciamo dall’alto, dall’acqua e dallo Spirito”

“È necessario che rinasciamo dall’alto, dall’acqua e dallo Spirito”. Lo scrive il vescovo di Cassano all’Jonio, mons. Francesco Savino, nella lettera pastorale dal titolo “Rinascere dall’alto. Fede e responsabilità tra eredità e rigenerazione”. “L’esperienza cristiana – spiega mons. Savino – ci regala una nuova significazione della nostra nascita che si apre ad un ristabilimento, una rigenerazione, che consente di superare la separazione e l’isolamento del nostro essere ‘gettati’ nel mondo. Non è sufficiente quindi un’unica nascita; questa è una nascita dal basso, dal ventre di nostra madre, segnata dal dramma della separazione, del peccato, e che a volte richiede una lunga elaborazione anche per tutta la vita”. Per rinascere dall’alto dobbiamo essere immersi in un “liquido amniotico” speciale, la fede. “Questa nascita – aggiunge – è il battesimo che riceviamo”. Per il vescovo calabrese compito del cristiano è “rigenerare il mondo, liberandolo dalla contraddizione della violenza”. “Occorre – scrive – farsi liberare da Cristo e portare il Cristo nel cuore del mondo per liberarlo dalla contraddizione della violenza”. Da qui l’invito anche affinché “le nostre comunità riscoprano il valore della Parola di Dio come eredità primaria che Cristo ci ha consegnato”. Mons. Savino chiede che si individuino in ciascuna comunità, “dove ciò fosse possibile, alcune persone (giovani e adulti) che redigano un manifesto della ‘fede responsabile’ in cui individuare le sfide che la cultura in cui viviamo pone oggi alla nostra fede” e “cercare nel proprio territorio qualche realtà caritativa o socio assistenziale che avrebbero bisogno di una ‘rigenerazione’ spirituale oltre che umana e materiale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia