Papa Francesco: notte di Natale, “non aspettiamo che la Chiesa sia perfetta per amarla”

“Diventare dono è dare senso alla vita. Ed è il modo migliore per cambiare il mondo”. Ne è convinto il Papa, che al termine dell’omelia della Messa della notte di Natale ha fatto notare che “noi cambiamo, la Chiesa cambia, la storia cambia quando cominciamo non a voler cambiare gli altri, ma noi stessi, facendo della nostra vita un dono”. “Gesù ce lo mostra stanotte”, ha commentato Francesco: “Non ha cambiato la storia forzando qualcuno o a forza di parole, ma col dono della sua vita. Non ha aspettato che diventassimo buoni per amarci, ma si è donato gratuitamente a noi”. “Anche noi, non aspettiamo che il prossimo diventi bravo per fargli del bene, che la Chiesa sia perfetta per amarla, che gli altri ci considerino per servirli”, l’invito: “Cominciamo noi. Questo è accogliere il dono della grazia. E la santità non è altro che custodire questa gratuità”. “Una graziosa leggenda – ha concluso il Papa – narra che, alla nascita di Gesù, i pastori accorrevano alla grotta con vari doni. Ciascuno portava quel che aveva, chi i frutti del proprio lavoro, chi qualcosa di prezioso. Ma, mentre tutti si prodigavano con generosità, c’era un pastore che non aveva nulla. Era poverissimo, non aveva niente da offrire. Mentre tutti gareggiavano nel presentare i loro doni, se ne stava in disparte, con vergogna. A un certo punto San Giuseppe e la Madonna si trovarono in difficoltà a ricevere tutti i doni, soprattutto Maria, che doveva reggere il Bambino. Allora, vedendo quel pastore con le mani vuote, gli chiese di avvicinarsi. E gli mise tra le mani Gesù. Quel pastore, accogliendolo, si rese conto di aver ricevuto quanto non meritava, di avere tra le mani il dono più grande della storia. Guardò le sue mani, quelle mani che gli parevano sempre vuote: erano diventate la culla di Dio. Si sentì amato e, superando la vergogna, cominciò a mostrare agli altri Gesù, perché non poteva tenere per sé il dono dei doni”. “Se le tue mani ti sembrano vuote, se vedi il tuo cuore povero di amore, questa notte è per te”, l’augurio del Papa a ciascuno dei presenti nella basilica di San Pietro: “È apparsa la grazia di Dio per risplendere nella tua vita. Accoglila e brillerà in te la luce del Natale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia