Diocesi: mons. Antonazzo (Sora) alla riapertura della chiesa di San Giovanni Battista, “Immagine della tenda di Dio fra gli uomini”

È stata riaperta al culto la sera di domenica 22 dicembre la chiesa di san Giovanni Battista a Cassino (Fr), dopo sette mesi di chiusura per i lavori di ristrutturazione. La celebrazione inaugurale, presieduta dal vescovo di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo, mons. Gerardo Antonazzo, è iniziata nel piazzale antistante la chiesa, dove il vescovo ha bussato con il pastorale al portone e varcato per prima la soglia d’ingresso, invocando la benedizione sul luogo sacro e sulla comunità, “affinché cresca ogni giorno come tempio spirituale riconoscendo e lodando Dio”, ha affermato. Da giugno 2019 e fino alla terza domenica di Avvento, la comunità di San Giovanni Battista ha celebrato la messa all’aperto, sotto un tendone che in passato aveva ospitato i fedeli di Santa Maria degli Angeli ad Assisi dopo il terremoto dell’Umbria e gli studenti de L’Aquila dopo il sisma del 2009. I lavori di consolidamento della struttura hanno ricevuto un finanziamento anche dalla Cei, con fondi 8xmille. “Questo luogo, così ben restaurato, è immagine del Verbo di Dio (Gesù Cristo) incarnato, tenda in mezzo agli uomini – ha affermato mons. Antonazzo nell’omelia – e si pone così in continuità, in questi giorni immediatamente precedenti la solennità del Natale, con il sublime mistero dell’incarnazione, fondamentale per la fede cristiana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy