Commercio estero: Istat, a novembre ampia diminuzione per le esportazioni (-8,1%) verso Paesi extra Ue, più lieve per le importazioni (-0,9%)

A novembre 2019, per entrambi i flussi commerciali da e verso i Paesi extra Ue, si stima una diminuzione congiunturale; essa risulta nettamente più ampia per le esportazioni (-8,1%) che per le importazioni (-0,9%). Lo rende noto oggi diffondendo i dati di “Commercio estero extra Ue” relativi a novembre 2019.
“L’ampia diminuzione congiunturale e tendenziale dell’export verso i Paesi extra Ue – spiega l’Istat – è influenzata dalle movimentazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale) verso gli Stati Uniti, registratesi a ottobre 2019 e a novembre dello scorso anno: al netto di queste, le esportazioni registrano flessioni di minore entità (-1,4% su base annua e -1,5% su base mensile)”.
Stando ai dati diffusi, la flessione congiunturale dell’export è da ascrivere principalmente ai beni strumentali (-19,6%). I beni energetici (+2,5%) e i beni di consumo non durevoli (+0,5%) registrano invece un aumento. Dal lato dell’import, si rilevano cali congiunturali per i beni di consumo durevoli (-4,0%), i beni di consumo non durevoli (-2,7%) e i beni intermedi (-2,4%), mentre sono in aumento gli acquisti di beni energetici (+1,8%) e di beni strumentali (+0,9%).
Nell’ultimo trimestre mobile (settembre-novembre 2019), la dinamica congiunturale dell’export verso i Paesi extra Ue risulta positiva (+2,6%) ed è particolarmente intensa per l’energia (+11,3%) e i beni strumentali (+5,8%). Nello stesso periodo, per le importazioni, si rileva un calo congiunturale (-1,5%), imputabile a energia (-4,6%), beni strumentali (-2,0%) e beni intermedi (-1,8%).
A novembre 2019, le esportazioni hanno registrato una diminuzione del 3,8% su base annua. La contrazione è rilevante per l’energia (-19,8%) e i beni strumentali (-12,0%). Rispetto alle esportazioni, le importazioni registrano una flessione tendenziale più ampia (-10,7%) cui contribuiscono tutti i raggruppamenti principali di industrie e, in particolare, quello dell’energia (-20,7%).
Il surplus commerciale a novembre 2019 è stimato pari a +4.164 milioni, in aumento rispetto a +3.253 milioni di novembre 2018. Da inizio anno aumenta l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +61.400 milioni di gennaio-novembre 2018 a +66.681 milioni di gennaio-novembre 2019).
A novembre 2019 l’export verso Cina (-15,4%), Stati Uniti (-10,4%) e Paesi Opec (-10,1%) è in forte contrazione su base annua. In aumento, le vendite di beni verso Giappone (+17,8%), Turchia (+13,3%) e Svizzera (+11,4%). Gli acquisti da Paesi Opec (-33,3%), Paesi Mercosur (-17,7%) e Svizzera (-14,9%) registrano flessioni tendenziali molto più ampie della media delle importazioni dai Paesi extra Ue. In aumento gli acquisti da Stati Uniti (+5,9%), Turchia (+4,8%) e Russia (+3,7%).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori