Cannabis light: Centro studi Livatino, “una manovra economica deve mettere a posto i conti, non favorire la dipendenza dallo stupefacente”

“Chi ha proposto l’emendamento alla manovra economica che legalizza la vendita al pubblico di derivati della cannabis se non superano lo 0,5 % di principio attivo, e chi ieri lo ha votato, non usi argomenti privi di fondamento. Non dica, come hanno fatto, fra gli altri, in una nota i proponenti senatori Mantero e Cirinnà, che ‘sotto lo 0,5% di Thc la canapa non si può considerare sostanza stupefacente’: perché è smentito dalla tossicologia e dall’esperienza quotidiana”. L’allarme viene dal Centro studi Livatino, in una nota.
“Il 31 maggio – ricorda la nota – le Sezioni unite della Cassazione avevano ribadito il divieto di cessione contenuto nella legge n. 242/2016, che disciplina la coltivazione della canapa, e avevano escluso che i cannabis shop potessero realizzare una legalizzazione di fatto”.
Ora, “se il governo porrà la fiducia al Senato e il testo verrà ‘blindato’ alla Camera, questa modifica diventerà legge entro l’anno. Senza la discussione che avrebbe meritato sulle gravi conseguenze della libera vendita: l’inserimento nella legge di bilancio contrasta con i principi di trasparenza dei testi legislativi, che non dovrebbero contenere disposizioni troppo eterogenee rispetto all’oggetto di cui si occupano (come sanzionato dalla Corte costituzionale). Ignorando volutamente l’attuale diffusione pandemica degli stupefacenti. Passando sopra le tragedie quotidiane di delitti commessi grazie al maggior uso di droga. Consentendo che, ‘iniziati’ alla cannabis con un Thc più basso, tanti giovani e meno giovani passino rapidamente a qualcosa di più consistente”.
Per il Centro studi Livatino, “una manovra economica deve mettere a posto i conti, non favorire la dipendenza dallo stupefacente e il conseguente incremento dei reati. A meno che il ‘fumo’ non valga più dell’arrosto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo